BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni, Legge StabilitÓ voto finale, quota 96, amnistia, indulto, Delega Fisco: novitÓ oggi venerdý Governo Renzi 19 Dicembre

Mentre si attende il voto in Senato sulla nuova Legge di StabilitÓ continua la discussione su misure di indulto e amnistia e delega fiscale: le novitÓ




Nonostante i nuovi emendamenti (bocciati) presentati in Senato da Movimento 5 Stelle e Sel è ormai difficile che venga approvata qualche soluzione per il pensionamento dei Quota 96 della scuola e così sicuramente ancora per un altro anno almeno i 4mila lavoratori della scuola, tra docenti e personale Ata, bloccati nel loro percorso verso il conseguimento della pensione dalle nuove norme Fornero, resteranno al lavoro, sperando che, come anticipato dal ministro Poletti, il 2015 sia davvero l’anno della svolta. E mentre svaniscono le speranze di congedo per i quota 96, si attendono decisioni sulle novità pensioni.

Solo due però  le eventuali modifiche alla riforma Fornero che potrebbero arrivare con la nuova Legge di Stabilità 2015, vale a dire proroga dell’opzione contributivo donna, approvata dall’Inps e in attesa di conferma dal Mef, e cancellazione delle penalizzazioni oggi previste dalla riforma Fornero per chi decide di andare in pensione prima dei 62 anni di età. E tutto si saprà tra domani, giovedì 18 dicembre, e venerdì 19, quando la Legge di Stabilità dovrebbe essere votata in Senato.E saranno anche i giorni in cui si sapranno le novità stabilite su tassazione di fondi pensione, Tfr in busta, e casse private previdenziali, nonché sul nuovo regime dei minimi e l’Irap.

E mentre è alle ultime battute la Legge di Stabilità, nulla di nuovo arriva invece sulle misure di indulto e amnistia il cui esame per il testo unificato dei quattro ddl continua in Commissione giustizia. Lunghissimo il tempo di discussione sulle misure di clemenza che stanno fortemente dividendo forze sociali, politiche e opinione pubblica, tra chi continua a ritenere che il problema dell’emergenza carceraria vada affrontata in maniera diversa e più definitiva e chi, invece, ritiene si tratti di misure che immediatamente risolverebbero il problema del sovraffollamento carcerario. E fra coloro che ne auspicano l’approvazione anche Papa Francesco. Prosegue anche la discussione sulla delega fiscale, che il 24 dicembre sarà in Consiglio dei ministri insieme ai decreti attuativi del Jobs act e il decreto sull'Ilva, come annunciato dal presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il