BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, donne, precoci riforma Governo Renzi: novità prossimi mesi indicate da Poletti, Treu, Renzi negative, positive

Divisioni interne su eventuali interventi su riforma pensioni per l’anno prossimo e posizioni ministri: cosa si farà davvero?




“Sono convinto sia necessaria qualche forma di flessibilità in uscita verso la pensione. La legge Fornero si può migliorare. L'Inps farà proposte per l'introduzione di qualche forma di flessibilità rispetto alla legge Fornero. Questo dovrebbe essere uno degli impegni dell’anno prossimo”: questa la posizione ribadita dal commissario Inps Treu che nel corso di queste settimane ha espresso la necessità di intervenire sull’attuale riforma pensionim, nonostante il governo abbia scartato, come precisato, proposte già in discussione "perché costose. È stata invece istruita quella dell'ex ministro Enrico Giovannini dell'anticipo di una pensione che potrebbe essere richiesta dai lavoratori cui manchino tre anni al raggiungimento dei requisiti di pensionamento e che poi verrebbe restituita in piccolissime rate sull'importo della pensione normale. Lo stesso Poletti è favorevole e anche se questa proposta non è entrata nella legge di stabilità credo che debba essere recuperata nei prossimi mesi. Non costa molto e sarebbe utile, anche sul fronte dei potenziali esodati”.

E anche il ministro del Lavoro Poletti, nel corso di questi ultimi mesi, nonostante qualche momento di silenzio, ha spesso ribadito che “Il tema della maggiore flessibilità in uscita verso la pensione è in'agenda”, presumibilmente per l’anno prossimo, come annunciato. Il prossimo 2015 dovrebbe essere l’anno degli interventi sulle pensioni annunciati anche dal premier Renzi, In realtà, il presidente del Consiglio li aveva annunciati già in questa nuova Legge di stabilità che però, come evidente, non li contiene, nulla sul suo punto fondamentale su cui era ripetutamente tornato prima dell’estate, come l’aumento di 80 euro anche per i pensionati, nulla nemmeno sul resto.

E le ipotesi parlano di interventi su baby pensioni, pensioni integrative, pensioni di reversibilità e invalidità. Bisognerà tuttavia vedere quale sarà e se cambierà la posizione del ministro dell’Economia Padoan che, dopo aver spiegato di essere contrario a interventi sull’attuale riforma pensioni mesi fa, qualche giorno fa ne ha ribadito la sua contrarietà dicendo che certamente non si modificherà questa riforma nel futuro immediato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il