BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: ennesima indicazione negativa per tutti statali e privati no modifiche quota 96

Sono pochi i passi in avanti sulla riforma pensioni Renzi nella legge di stabilità. Emblematico il caso dei quota 96. Ecco le ultime notizie.




Questi sono i giorni dell'approvazione della legge di stabilità che contiene novità anche sul fronte della riforma delle pensioni. Anche se oggi iniziano le operazioni di voto al Senato, i tempi dell'accensione del semaforo verde prima del passaggio alla Camera dei deputati sono destinati ad allungarsi per via del ritardo nella presentazione del maxi-emendamento governativo. Quello con la manovra finanziaria ha comunque tutto il sapore di un'occasione persa. Sono infatti tante le proposte che rimarranno ferme sulla carta, troppi gli scontenti di chi sperava in una svolta.

Su tutte è emblematica la vicenda dei quota 96 del mondo della scuola. Per l'ennesima volta, infatti, sono stati illusi a suon di emendamenti per poi rimanere delusi dalla versione finale della legge di stabilità. Si tratta di quei lavoratori che, nonostante il compimento di 61 anni d'età e il raggiungimento di 35 anni di contributi previsti dalla normativa di riferimento, non sono andati in pensione a causa dell'introduzione delle norme contenute nella riforma Fornero, che non hanno tenuto conto della peculiarità del calendario scolastico. Le ragioni sulla situazione di stallo sono sempre le solite: manca la copertura economica.

Di più, nella giornata di ieri il governo ha risposto ha risposto all'interrogazione sulla vicenda dei quota 96 (fra i firmatari Manuela Ghizzoni) e in particolare sulle sentenze dei tribunali locali e sulle misure da adottare per garantire parità di diritto e di giustizia ai lavoratori della scuola esclusi dal pensionamento. Ebbene si legge nero su bianco che "non sono state riscontrate specificità di carattere previdenziale tali da giustificare una regolamentazione (deroghe o salvaguardie) rispeotto alla generalità dei lavoratori".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il