BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Acconto IVA 2014-2015: come pagare meno o nulla. Calcolo, casi particolari, eccezioni. Regoli ufficiali Agenzia dell'Entrata

Ci sono meno di 10 giorni di tempo per mettersi in regole con l'acconto IVA. Sono tre i modi per effettuare i calcoli della somma da pagare.




Nell'agenda delle scadenze fiscali di questo finale di anno c'è anche l'acconto IVA. L'ultimo giorno utile per effettuare il versamento e mettersi al riparo dalle sanzioni è lunedì 29 dicembre 2014. La somma va pagata in una soluzione unica per via telematica utilizzano il modello F24 da presentare in banca o a uno sportello postale. Il codice tributo per i contribuenti mensili è 6013, quello per i contribuenti trimestrali normali e speciali 6035.

Sono tre i modi per calcolare l'acconto IVA. Il primo è con il metodo storico con cui viene individuato l'importo dell'acconto calcolando l'88% del versamento eseguito per l'ultimo periodo di liquidazione dell'anno precedente. Il secondo è il metodo previsionale con cui viene calcolato sulla base di una stima delle operazioni che si ritiene di eseguire fino al 31 dicembre dell'anno in corso. Infine c'è il metodo effettivo-analitico con cui si considera l'imposta relativa alle operazioni effettuate fino al 20 dicembre dell'anno corrente. La scelta è soggettiva e varia in base alla propria situazione.

Attenzione a non sbagliare i calcoli. Nel caso di errori è infatti prevista una sanzione pari al 30% della somma non versata. Tuttavia è possibile pagare di meno nel caso in cui si faccia uso del ravvedimento breve, di quello lungo o di quello sprint. Nel primo caso, la multa è ridotta al 3%, ma il pagamento deve avvenire entro 30 giorni dalla scadenza. Nel secondo è pari al 3,75%, ma il versamento va eseguito entro la data di presentazione della dichiarazione annuale relativa all'anno in cui è stata commessa la violazione. Infine, con il ravvedimento sprint, la quota supplementare è dello 0,2% per ogni giorno di ritardo se si procede al versamento entro i 14 giorni successivi alla scadenza.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il