BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: cosa può accadere tra tribunali e decreti dopo unica modifica no penalizzazione

Dopo le ennesime delusioni pensioni e quota 96 cosa potrebbe accadere l’anno prossimo se non si riuscisse davvero ad intervenire sulla riforma pensioni?




L’unica novità della nuova Legge di Stabilità sulla riforma pensioni è la norma che cancella le penalizzazioni per chi va in pensione prima di aver compiuto i 62 anni di età ma a patto che abbia maturato l’anzianità contributiva richiesta. Per il resto, come confermano le ultime notizie, nulla di ciò che era stato richiesto è stato approvato e, secondo gli annunci di alcuni esponenti politici, si dovrebbe tornare a discutere di pensioni e riforma previdenziale già dal prossimo gennaio o febbraio. Ma il decreto previdenziale Renzi potrebbe contenere elementi decisamente peggiorativi per portare alla messa in atto di piani di uscita anticipata e alla redistribuzione in maniera equa delle risorse.

Tra gli elementi negativi possibili la revisione di baby pensioni, pensioni integrative, di reversibilità e di invalidità che Renzi aveva però già annunciato, e che quindi non suoneranno come nuovi. Ma potrebbero essere anche altri i risvolti negativi scaturiti dalla mancanza di novità pensioni nella nuova Legge di Stabilità 2015, a partire da un consenso sempre maggiore che potrebbe riscuotere il referendum abrogativo proposto dalla Lega per la cancellazione definitiva della legge Fornero, ai ricorsi in tribunali, come già accaduto con la class action che chiedeva la proroga dell’opzione donna, con i quota 96 della scuola.

Sulla scia, infatti, di quanto accaduto con l’ultima sentenza del Tribunale di Salerno che ha permesso l’immediato pensionamento a 42 insegnanti salernitani, tanti altri potrebbero essere coloro che, per l’ennesima volta delusi dal governo, presenteranno ricorso ai tribunali di competenza, situazione cui si aggiunge il fatto che la questione è già finita nelle mani della Corte Costituzionale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il