BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: tra Renzi, Padoan, Poletti, Treu, Damiano, INPS qualcosa ci sfugge

Netta la frattura tra Ministero dell’Economia e le altre forze politiche: quale la strada reale di interventi sulla riforma pensioni?




Mentre il ministro dell’Economia Padoan continua a dirsi contrario ad ogni novità sulla riforma pensioni Fornero, l’unica capace di assicurare ad una Italia in forte crisi economica risparmi considerevoli e quindi capace di garantire sostenibilità economica, tutti gli altri, tra ministri e forze sociali si dicono invece pronti, come riportano le ultime notizie, a rimettere in discussione il tema delle pensioni, a riprendere quei sistemi di uscita anticipata finora sempre rimandati e a rimettere in gioco quegli aumenti delle pensioni minime che si stanno rendendo sempre più necessari e che, del resto, erano stati annunciati anche del presidente del Consiglio Renzi.

E si torna a parlare di interventi sulle pensioni proprio quando anche il presidente del Senato Grasso invita a lavorare sul tema previdenziale e il commissario Inps Treu ha fatto capire che nel 2015 si tornerà a lavorare sulle proposte di uscita anticipata così come sull’aumento delle pensioni minime e una revisione della governance dell’Inps stesso. Chiara dunque la contrapposizione netta tra Ministero dell’Economia e altri parti del governo o, verrebbe da pensare, che dietro interventi, annunci e promesse, si nasconda una strategia precisa, che o mira a mantenere buoni gli animi solo con promesse, ma perseguendo la strada di Padoan, o prepara il terreno a modifiche che saranno messe in atto ma solo attraverso interventi peggiorativi.

E in questo contesto torna a far sentire la proprio voce anche Cesare Damiano che rilancia sulla necessità di introdurre maggiore flessibilità nel mondo delle pensioni, riproponendo la sua uscita a 62 anni di età con 35 anni di contributi e penalizzazioni, o incentivi se si rimane di più a lavoro. E intanto è spuntata anche la possibilità di uscita a quota 100. Servirà comunque altro tempo per mettere a punto le ipotesi di lavoro migliore su cui puntare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il