BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: per tutti nuovi problemi ed errori con no penalizzazioni e taglio assegni d'oro

Tetto alle pensioni d'oro e cancellazione delle penalizzazioni: le novità sulla riforma pensioni che nascondo note negative. Cosa cambia




Tetto alle pensioni d'oro e cancellazione delle penalizzazioni per chi va in pensione prima dei 62 anni di età: queste le uniche novità pensioni contenute nella nuova Manovra Finanziaria che stanno però facendo parecchio discutere. La cancellazione delle penalizzazioni, decisamente a favore di lavoratori precoci che hanno iniziato la loro vita professionale sin dalla giovanissima età, dovrà ancora essere ben definita in riferimento alle categorie che ne beneficeranno. Ma la  beffa è quella che riguarda il tetto alle pensioni d’oro che se a prima vista potrebbe sembrare una misura capace di garantire giustizia ed equità in realtà cela un paradosso, vale a dire che toccherà tutte le pensioni e non solo quelle degli alti funzionari dello Stato, categoria per cui è stata formulata la misura.

La beffa nasce da un errore, cioè non aver definito un limite di importo e questo secondo la Cosmed, Confederazione sindacale cui aderisce un quarto della dirigenza del Pubblico impiego, porta al taglio anche delle pensioni di quei contribuenti che al 31 dicembre 1995 avevano almeno 18 anni di contribuzione, andando così a colpire anche coloro che non percepiscono pensioni d’oro ma che sono rimasti a lavoro più a lungo proprio per maturare di più e che ora, a causa di questa norma retroattiva, nonostante abbiano versato più contributi, si ritroveranno anche bloccata la progressione pensionistica dal 2012.

E’ chiaro come anche quelle che possono sembrare novità positive in realtà non si riveleranno proprio tali e potrebbero trasformarsi facilmente in interventi negativi, al pari di quella rivalutazione negativa delle pensioni che aveva scatenato tanti timori quando ne è stata data notizie, per cui tanti avevano detto di essere a lavoro ma per cui, invece, non è arrivato nulla nella nuova Manovra. Eppure si tratta di un problema che necessita di una soluzione in tempi rapidi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il