BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: indicazioni 2015 modifiche che Legge di Stabilità ci può indicare come primi indizi

Cosa cambia entro l’anno per le pensioni e novità di interventi sull’attuale riforma pensioni in previsione per l’anno prossimo: la situazione




Il 2014 si chiude con un nulla di fatto per quanto riguarda le novità sulla riforma pensioni  richieste. L’unico cambiamento riguarda l’abolizione delle penalizzazioni per chi, avendo maturato l’anzianità contributiva, decide di andare in pensione prima dei 62 anni di età. Tutto il resto dovrebbe essere rimandato, come annunciato dalle ultime notizie, al prossimo anno, forse già tra gennaio e febbraio e in discussione dovrebbero tornare quei piani di uscita anticipata (come uscita a 62 anni di età con 35 anni di contributi e penalizzazioni, prestito pensionistico o uscita a quota 100) per garantire maggiore flessibilità per tutti e quella staffetta generazionale che potrebbe dare nuova spinta al mercato del lavoro.

Le prossime discussioni dovrebbero riguardare anche gli aumenti delle pensioni minime ma, come detto dal ministro Boschi, se non quest’anno, a causa delle condizioni economiche critiche di Italia, la questione dovrebbe essere affrontata massimo per il 2016. Ma non solo: si preannunciano prospettive anche negative di interventi sulle pensioni che potrebbero riguardare, come già annunciato dal premier Renzi, revisioni di baby pensioni, pensioni integrative, di reversibilità e di invalidità, ma anche revisione della tassazione sulle pensioni e sulle aliquote Inps.

Partiti e ministri sono comunque divisi sugli eventuali interventi da attuare e c’è da considerare il grande ostacolo di Mef e ministro Padoan, secondo cui non bisogna intervenire sull’attuale riforma pensioni da lasciare così com’è. E’ l’unica riforma, infatti, capace di garantire sostenibilità finanziaria per cui esclude ogni cambiamento in futuro, almeno immediato. Le uniche certezze sembrano dunque quella di una riforma dell’Inps, annunciata dallo stesso commissario Tiziano Treu, e quella del referendum abrogativo indetto dalla Lega per cancellare la legge pensionistica in vigore e che sta riscuotendo parecchio consenso.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il