BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge di Stabilità: pensioni, partita iva nuovi minimi, quota 96, bonus bebè e 80 euro. Novità ufficiali, cosa cambia misure

Misure ufficiali e cosa cambia con approvazione nuova Legge di Stabilità 2015: le novità in vigore dal 2015 per pensioni, nuovi fondi, partite Iva e bonus




E’ arrivato nella notte il via libera in Senato alla nuova Legge di Stabilità. Il testo torna ora alla Camera per l’approvazione definitiva che dovrebbe arrivare prima di Natale. Tra le novità previste, confermata la cancellazione delle penalizzazioni per chi va in pensione prima dei 62 anni di età ma solo per coloro che percepiscono mensilmente pensioni inferiori ai 3.500 euro lordi; confermato il bonus di 80 euro per i dipendenti statali, che diventa strutturale, e il nuovo bonus bebè 2015 di 80 euro per le famiglie che hanno un Isee inferiore ai 25mila euro, mentre l'importo raddoppia per chi ha un Isee inferiore ai 7mila euro.

E ancora, previsto blocco della Tasi e congelamento del canone Rai nel 2015, ok al credito d’imposta Irap per gli autonomi, sale invece, come previsto nella versione iniziale del testo, la tassazione dei fondi pensione dall’11,5 al 20% e per le casse provate dal 20 al 26% con un bonus previsto per chi fa per investimenti a lungo termine.

Via libera inoltre alla liquidazione del Tfr su base volontaria nella seconda metà del prossimo anno, alla proroga del 55% per le ristrutturazioni e del 65% per il risparmio energetico, anche per interventi antisismici, e la cancellazione per tre anni dei contributi per le nuove assunzioni.  Per quanto riguarda nuove partite Iva e regime dei minimi, sale al 15% l'aliquota di tassazione agevolata e vengono esclusi dal forfait coloro che percepiscono un reddito che supera i 20.000 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il