BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni, quota 96, amnistia, indulto Consiglio dei Ministri, Job Acts, Legge Stabilità: novità oggi mercoledì 24 e questi giorni

Dopo il via libera in Senato alla nuova Legge di Stabilità si attende nuovo Consiglio dei Ministri di mercoledì e decreti attuativi misure del Jobs Act




Nuovo tetto alle pensioni d’oro a partire dal 2015 e abolizione delle penalizzazioni per chi decide di andare in pensione prima di aver compiuto 62 anni di età ma avendo maturato l’anzianità contributiva sono le uniche novità sulla riforma pensioni approvate nella nuova Legge di Stabilità 2015 che si avvia a ricevere il voto finale alla Camera prima di Natale. Con il via libera alla nuova Legge di Stabilità '”ci saranno meno tasse, più reddito, consumi, quindi più lavoro” ha detto il ministro dell'Economia Padoan che, avverte, “cambia molto: le imprese hanno tagli di imposte con pochi precedenti e sono finalmente permanenti gli 80 euro di bonus per i lavoratori”.

Nessuna soluzione per il pensionamento dei quota 96 della scuola, che dovranno dunque rimanere a lavoro ancora un altro anno, mentre il caso dei lavoratori della scuola è arrivato nelle mani della Corte Costituzionale. Nessuna novità anche per il testo unificato sui quattro ddl delle misure di indulto e amnistia, che dovrebbe arrivare il prossimo anno. Si attendono invece i decreti attuativi per le misure contenute nel Jobs act che rinnovano il mondo del lavoro.

Via libera al nuovo contratto unico a tempo indeterminato a tutele crescenti, previste modifiche all’art 18 dello Statuto dei Lavoratori, e per l’Aspi, per cui si allarga la platea dei beneficiari e che viene allungata nel tempo. E’ fissato invece per mercoledì, 24 dicembre, il nuovo Consiglio dei Ministri: il premier Renzi ha annunciato infatti che “Il giorno prima di Natale ci sarà un intervento importante sull'Ilva di Taranto e ci saranno anche interventi sul lavoro, sul fisco con l'obiettivo di rendere un pò più semplice pagare le tasse in Italia  e sulla madre di tutte le questioni, che è Taranto”. Poi ha precisato: “Nel Consiglio dei ministri del 24 dicembre parleremo di Taranto, non solo dell'Ilva ma di tutta la città, a cominciare dal porto”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il