Pubblicità in tv calerà a vantaggio del web, dice studio

La quota di pubblicità globale destinata alla televisione calerà entro il 2007 a vantaggio delle inserzioni su Internet



La quota di pubblicità globale destinata alla televisione calerà entro il 2007 a vantaggio delle inserzioni su Internet. E' quanto prevede uno studio diffuso ieri negli Usa.

La previsione è che la quota per la pubblicità televisiva tocchi l'apice il prossimo anno, con un 37,9% nel 2006, prima di calare nel 2007 al 37,8%, dice il nuovo studio realizzato da ZenithOptimedia, divisione del gruppo francese Publicis.

Anche per giornali e riviste è previsto un calo, dal 29,8% del 2005 al 29,3% nel 2007.

La quota di pubblicità destinata ad Internet è prevista invece in crescita dal 3,8% di quest'anno al 4,4% nel 2007. Gli investimenti pubblicitari in Rete sono cresciuti lo scorso anno del 21%.

Nel complesso, ZenithOptimedia prevede un contesto più roseo per il 2007, con investimenti pubblicitari complessivamente in aumento del 5,4% quest'anno, da una precedente stima del 5%, con aumenti per il 2006 rivisti al 6,5% rispetto al precedente 5,8% e del 6,1% nel 2007, rispetto al precedente 5,8%.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il