BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Acconto IVA 2014-2015: chi non paga, calcolo alternativi e regole per versare meno. Come funziona. No proroga

C'è ancora una settimana di tempo per mettersi in regola con il pagamento dell'acconto IVA. Ecco modalità di pagamento e codici tributo da utilizzare.




La scadenza per il pagamento dell'acconto IVA rimane fissata al 29 dicembre 2014. La legge di stabilità approvata dal Senato e in attesa di via libera alla Camera dei deputati, non ha portato con sé né aumenti e né proroghe dei pagamento ovvero slittamenti nell'applicazione delle sanzioni per i ritardatari. A tal proposito, il mancato versamento dell'acconto è punito con una maggiorazione del 30%, ma con il ravvedimento operoso è possibile usufruire della sanzione ridotta (0,2% per ogni giorno di ritardo fino a 15 giorni, 3% se entro 30 giorni, 3,75% oltre), da versare indicando il codice tributo 8904, oltre agli interessi legali dell'1% (codice tributo 1991).

In merito alle modalità di calcolo, ci sono 3 possibilità. La prima è il metodo storico con cui viene individuato l'importo dell'acconto calcolando l'88% del versamento eseguito per l'ultimo periodo di liquidazione dell'anno precedente. La seconda è quella previsionale, il cui calcolo si basa sulla stima delle operazioni che si ritiene di eseguire ?no al 31 dicembre dell'anno in corso. Infine c'è il metodo effettivo-analitico con cui si considera l'imposta relativa alle operazioni effettuate ?no al 20 dicembre dell'anno corrente. La somma va pagata in una soluzione unica per via telematica utilizzando il modello F24.

Il codice tributo per i contribuenti mensili è 6013, per i contribuenti trimestrali normali e speciali 6035. L'acconto versato deve essere sottratto all'IVA da versare per il mese di dicembre (per i contribuenti mensili), in sede di dichiarazione annuale Iva (per i contribuenti trimestrali) o da quanto dovuto per la liquidazione del quarto trimestre (per i contribuenti trimestrali speciali). I contribuenti trimestrali ordinari non devono applicare la maggiorazione degli interessi dell'1%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il