BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia e anzianità Governo Renzi: riforma novità proposte,modifiche tra tribunali e decreti realizzabili. Per chi,come

Come dimostrano le ultime notizie sulla riforma pensioni Renzi, sono ancora tanti i nodi irrisolti sulla questione previdenziale. Cosa aspettarsi dal 2015?




La riforma pensioni nell'ambito della legge di stabilità ha lasciato l'amaro in bocca. A parte le novità (ben accolte) dell'abolizione delle penalizzazioni per chi si congeda prima dei 62 anni con la maturazione dei requisiti richiesti e la fissazione di un tetto alle pensioni d'oro, poco è stato fatto. O meglio, tutte le ipotesi di rendere il sistema previdenziale più flessibile favorendo l'uscita anticipata sono rimaste bloccate. Se ne parlerà il prossimo anno, congiuntura economica permettendo. Sì, perché proprio a causa dei soldi che non ci sono e dei consumi che non decollano, il governo sta procedendo con il freno a mano tirato.

Eppure su tutta la legge Fornero aleggia l'ombra della proposizione del referendum abrogativo proposto dalla Lega. Il quesito, ora al vaglio della Corte costituzionale, è chiaro: cancellare l'intero impianto, sia la parte delle pensioni sia quella del lavoro. In attesa di capire se i cittadini italiani potranno esprimersi, la proposta sta incassando non solo l'appoggio trasversale dei partiti, ma anche quello di parte dei sindacati, fra cui la Cgil.

Fra le questioni irrisolte, un posto in primo piano non può che essere riservato ai quota 96 del mondo della scuola. Uno dopo l'altro sono caduti gli emendamenti presentati in commissione Bilancio per via dell'assenza di coperture economiche. Si tratta di quei lavoratori che, nonostante il compimento di 61 anni d'età e il raggiungimento di 35 anni di contributi previsti dalla normativa di riferimento, non sono andati in pensione a causa dell'introduzione delle norme contenute nella riforma Fornero, che non hanno tenuto conto della peculiarità del calendario scolastico. Sulla loro vicenda ci sono però le prime pronunce giudiziarie che potrebbero portare a una svolta inattesa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il