BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, vecchiaia, uomini riforma Governo Renzi: novità chiarimenti INPS per calcolo età, contributi no penalizzazioni

Sono ancora tanti i punti interrogativi sulla riforma pensioni Renzi. Occorre attendere precisazioni e chiarimenti dall'istituto di previdenza.




Le novità sulla riforma pensioni contenute nella legge di stabilità necessitano di alcuni chiarimenti. La prima è l'abolizione delle penalizzazioni introdotte dalla legge Fornero per chi si ritira dal lavoro prima dei 62 anni di età con 42 anni e un mese di contribuzione per gli uomini e 41 per le donne. La misura entrerebbe in vigore dal prossimo anno e la sua validità è limitata a coloro che maturano i requisiti di anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2017. La tabella dei disincentivi della riforma Fornero nel caso di ritiro anticipato prevede una riduzione dell'1% dell'importo mensile per ogni anno di distanza dal raggiungimento dei 62 anni di età e del 2% per ogni anno prima del compimento dei 60 anni.

Secondo le regole approvate dal governo Monti e adesso in vigore i requisiti per ritirarsi dalla scena lavorativa sono i seguenti: 66 anni e 3 mesi per lavoratori dipendenti e autonomi e per lavoratrici del settore pubblico, 63 anni e 9 mesi per lavoratrici del settore privato; 64 anni e 9 mesi per lavoratrici autonome. Per quanto riguarda la pensione anticipata, per le persone in possesso di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995, sono richiesti 42 anni e 6 mesi di anzianità contributiva per gli uomini e 41 anni e 6 mesi per le donne.

La seconda novità introdotta con la nuova manovra finanziaria è la fissazione di un tetto alla pensioni d'oro. Si tratta della correzione di quella parte della legge Fornero che permetteva di restare in servizio anche oltre i 40 anni di anzianità, cumulando la pensione calcolata con il metodo retributivo a quella con il metodo contributivo. Ma per la Cosmed, la Confederazione sindacale medici e dirigenti, c'è il problema della retroattività che coinvolge anche chi ha maturato i requisiti contributivi prima dell'entrata in vigore della legge Fornero.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il