BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, donne, anzianità riforma Governo Renzi: novità 2015 calcolo INPS, anticipata,contributiva.Soluzioni da trovare

Nulla da fare per la riforma pensioni nel segno della flessibilità. La legge di stabilità introduce però due correzioni alla riforma Fornero.




Sono poche le novità sulla riforma pensioni Renzi arrivate in questo finale d'anno. Le ultime novità sulla legge di stabilità riferiscono come non si è andati al di là dei pur ben accolti emendamenti correttivi alla riforma Fornero. Per il resto non è stato dato alcun seguito alla proposta di allargare il sistema di calcolo contributivo a tutti i lavoratori in attività così come all'introduzione di quota 100 come somma di età anagrafica e anni di contribuzione. Rimasta ferma al palo anche l'ipotesi del prestito previdenziale pensata per i disoccupati a pochi anni dal traguardo delle pensioni.

Resta poi da capire come andrà a finire il braccio di ferro con i dipendenti delle amministrazioni provinciali, per cui è prevista la mobilità verso Regioni e Comuni. Tutti gli altri potranno conservare il posto fino al 2017. Il conto annuale del pubblico impiego non fa sconti. Ed è ben più amaro del 2013 secondo i dati della Ragioneria dello Stato. Se nel 2013, infatti, il taglio degli occupati nella pubblica amministrazione si era limitato a 6.000 unità, il sesto anno consecutivo di rosso, il 2014, promette molto peggio. I dati della Ragioneria stimano un calo pari all'1,6% nei primi 9 mesi.

Quanto basta per far prevedere per fine 2014 una flessione "molto superiore" a quella del 2013, più simile a quanto visto nel 2012 (-1,4%) e destinata ad appesantire il bilancio degli ultimi anni. Negli anni compresi tra il 2007 e il 2013 il personale della pubblica amministrazione a tempo indeterminato, è passato da quota 3.429.266 nel 2007 a 3.232.954 (nel 2013). Il taglio è del 5,7%. Vale a dire che ci sono quasi 200.000 persone in meno in quel pezzo della macchina dello Stato. Anche il personale a tempo determinato è sceso, mentre è aumentato il personale part time. Crollati anche i contratti di collaborazione a esterni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il