BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità, donne, vecchiaia riforma Governo Renzi: leggi attuali passate, proposte e referendum Lega prossimi mesi

Ci sono ancora tante questioni da risolvere sulla riforma pensioni Renzi. Le ultime notizie non sono incoraggianti: c'è ancora molto da fare.




La speranza è che il prossimo anno possa portare più novità sul fronte della riforma pensioni rispetto a quanto è arrivato con la legge di stabilità. Cancellazione di alcune penalizzazioni a parte e fissazione di un tetto alle pensioni d'oro rappresentano i soli cambiamenti introdotti. Non è molto per chi sperava in un ribaltamento dell'attuale impianto previdenziale e che ora vede con interesse la possibile proposizione di un referendum abrogativo della legge Fornero. Eppure le posizioni da risolvere sono tante. Tutte le ipotesi di cambiamento ruotano attorno al concetto di flessibilità rispetto alle norme in vigore.

I lavoratori precoci o coloro che svolgono attività prevalentemente usuranti sono in attesa di un miglior riconoscimento delle proprie specificità. Poi ci sono i quota 96 del mondo della scuola: quei lavoratori che, nonostante il compimento di 61 anni d'età e il raggiungimento di 35 anni di contributi previsti dalla normativa di riferimento, non sono andati in pensione a causa dell'introduzione delle norme contenute nella riforma Fornero, che non hanno tenuto conto della peculiarità del calendario scolastico. Arriveranno risposte concrete nel corso del 2015?

Oltre 71 milioni di ore e più di un milione di persone occupate, fra cui molti pensionati, soprattutto nei settori del commercio, della ristorazione e del turismo e dei servizi: sono i numeri del boom dei mini-jobs in Italia nel 2014, fotografati dalla Cgia di Mestre. Lavori occasionali accessori, di breve durata, che hanno coinvolto in particolare casalinghe, pensionati, badanti, studenti, disoccupati e dopolavorisiti, con l'utilizzo dei cosiddetti voucher, i buoni-lavoro dal valore di 10 euro lordi l'ora (7,5 euro netti). Dal 2012, anno in cui con la riforma del lavoro targata Fornero questo strumento è stato esteso a tutti i settori economici, il ricorso è più che triplicato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il