BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, anzianità, uomini riforma Governo Renzi: novità modifiche concrete questo anno dopo tante proposte e discussioni

Nonostante l'ampio dibattito sulla riforma pensioni degli ultimi mesi, la legge di stabilità ha introdotto solo due correzioni alla legge Fornero.




Le novità sulla riforma pensioni Renzi vanno cercate nelle correzioni della legge Fornero introdotte con la legge di stabilità. Si tratta della cancellazione dei disincentivi economici per chi si congeda dal lavoro a 62 anni di età con 42 anni e 1 mese di contributi nel caso degli uomini e 41 anni e 1 mese nel caso delle donne, e la fissazione di un tetto agli assegni previdenziali più elevati, le pensioni d'oro. Fra le ultime notizie c'è anche l'aumento della tassazione sui fondi pensione e sulle casse di previdenza.

Sono rimaste ferme al palo tutte le ipotesi avanzate nelle ultime settimane, come il prestito previdenziale per favorire il congedo dal lavoro degli over 50 disoccupati, l'introduzione di quota 100 come somma di età anagrafica e anni di contribuzione, l'estensione del metodo contributivo a tutti i lavoratori in attività, l'inclusione dei pensionati fra i beneficiari del bonus fiscale di 80 euro al mese.

I fari sono puntati anche sugli statali. Il 7 agosto la Camera dei deputati ha definitivamente approvato il decreto di riforma della pubblica amministrazione che prevede, tra l'altro, la pensionabilità per i dirigenti a 62 anni purché con anzianità massima e la rimodulazione del turnover. A febbraio 2015 dovrà essere discusso in Aula un disegno di legge che completa la riforma.

Nel fuoco incrociato delle polemiche da destra e sinistra, il premier Matteo Renzi ha poi riaperto sull'applicazione del Jobs Act anche agli statali e delega al parlamento la scelta sui futuri contratti del pubblico impiego: "Sarà il parlamento a pronunciarsi, non sarà il governo a decidere". La norma, ha chiarito il presidente del Consiglio, dovrà però essere inserita eventualmente nel disegno di legge delega sulla pubblica amministrazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il