BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni, quota 96, licenziamenti statali e privati Riforma Lavoro, amnistia, indulto: novità oggi mercoledì 31 Dicembre 2014

Sono tanti i fronti su cui è impegnato il governo Renzi, ma non la velocità di azione non è sempre la stessa. Via libera ai primi decreti attuativi del Jobs Act.




Qual è lo stato delle riforme del governo Renzi? Il 3 dicembre il Senato ha approvato la delega per la riforma del lavoro. Il via libera finale è arrivato in tempo per consentire l'entrata in vigore già a gennaio dopo il varo dei primi due decreti delegati, arrivati in Consiglio dei ministri il 24 dicembre, sul contratto a tutele crescenti e gli ammortizzatori. Gli altri decreti sono attesi entro fine gennaio.

Sul fronte delle pensioni, la legge di stabilità ha portato con sé l'abolizione delle penalizzazioni introdotte dalla legge Fornero per chi si ritira dal lavoro prima dei 62 anni di età con 42 anni e un mese di contribuzione per gli uomini e 41 per le donne. Nessun passo in avanti sulla questione dei quota 96 del mondo della scuola. La platea dei beneficiari ha però chiesto al Miur di aprire "una specifica voce su Istanze on Line, in cui sia possibile inserire dati assodati, certi e verificati".

Indulto e amnistia continuano a rimanere fuori dalle misure sulla giustizia. Il governo, con decreto convertito il 6 novembre dal parlamento, ha tagliato i tempi e l'arretrato della giustizia civile (incluse le ferie dei magistrati). Per la riforma del processo penale si è scelta la via del ddl, che è ora alla Camera dei deputati, in cui si inseriranno anche le nuove norme anticorruzione licenziate dal Consiglio dei ministri il 12 dicembre.

L'Italicum, approvato alla Camera dei deputati il 12 marzo, è rimasto per mesi in Commissione al Senato. La notte del 19 dicembre il testo è stato incardinato a Palazzo Madama. Il 7 gennaio inizierà la discussione in Aula con l'obiettivo di una rapida approvazione. Una volta passata al Senato, la legge dovrà ritornare alla Camera per il sì definitivo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il