BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Cotechino e lenticchie rosse: ricette veloic, come preparare, ingredienti, tempi di cottura. Istruzioni passo passo per cenone

Suggerimenti e consigli per una corretta preparazione del cotechino con le lenticchie. Decisivo per la buona riuscita è il tempo di cottura.




Difficile rinunciare ad almeno un assaggio di cotechino e lenticchie nella sera del cenone di Capodanno 2015. Si tratta infatti di una tradizione benaugurate che unisce le tavole di tutti gli italiani. Ma siamo sicuri di saper preparare al meglio questo piatto? Quali sono gli ingredienti necessari? E i tempi di cottura? Il sito buttalapasta.it invita a utilizzare 250 grammi di lenticchie, una cipolla, una carota, un gambo di sedano, 2 cucchiai di olio extravergine di oliva, un cucchiaio di concentrato di pomodoro, sale e pepe quanto bastano, un cotechino precotto o in alternativa uno zampone.

Per il sito carrefour.it è indispensabile bucherellare il cotechino con una forchetta, adagiarlo su una pentola con acqua fredda, cuocerlo a fuoco lento per circa due ore e un quarto. Nel frattempo lasciare le lenticchie in ammollo in acqua per 12 ore, preparare un trito di cipolla, sedano e carota da soffriggere con olio, aggiungere brodo fino alla completa copertura delle lenticchie e proseguire con la cottura per circa 30 minuti. Da non perdere di vista i suggerimenti del sito ricettepercucinare.com sulle lenticchie, da pulire con attenzione se sfuse, da verificare l'assenza di impurità se in pacchetti, da controllare l'integrità della confezione se in barattolo.

Altri consigli arrivano dal sito alice.tv: lessare il cotechino per 90 minuti partendo da acqua fredda, tagliarlo e aggiungerlo alle lenticchie solo negli ultimi minuti prima di servirlo a tavola. Per il sito giallozafferano.it è meglio scegliere il cotechino modenese, evitare cotture oltre il tempo suggerito e accompagnare la carne con una purea di patate. Lo chef di academiabarilla.it invita a non trascurare i dettagli: "Quando cucinate legumi ricordate di salarli a fine cottura e non all'inizio per evitare che rimangano duri".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il