BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, vecchiaia, uomini riforma Governo Renzi: novità in intervento fine anno da comprendere e cercare di capire

Il premier Renzi esclude che la nomina di Tito Boeri alla presidenza dell'Inps sia legata alla riforma pensioni, ma le incertezze sono tante.




Quando si tratta di parlare della riforma pensioni, il premier Matteo Renzi è sempre molto abbottonato. Per la difficoltà a introdurre vere novità e per le ricadute in termini elettorali, non è mai entrato nel merito della questione. E anche quando ha avuto l'occasione di farlo, ovvero la conferenza stampa di fine anno in cui ha spiegato le ragioni della nomina dell'economista Tito Boeri alla presidenza dell'Inps, ha subito sgombrato il campo dagli equivoci: "Leadership è mettersi accanto persone più brave di se stesse ma questo non vuol dire che le idee di chi viene a darci mano diventino programma di governo".

Non resta che attendere, ma senza dubbio Boeri è uno studioso molto attento alla questione previdenziale. Dalle pagine web del sito lavoce.info non ha mai nascosto le critiche verso i meccanismi della legge Fornero, dichiarandosi favorevole all'introduzione di un contributo di equità a carico delle pensioni d'oro.

Altra questione aperta è quella dei vitalizi a livello locale. Costano circa 170 milioni di euro per 3.200 persone. Incidono per lo 0,1% di tutta la spesa regionale, sanità compresa. Ma sui bilanci dei Consigli regionali pesano molto: spesso più del 30% delle uscite totali poiché in quasi tutte le Regioni i vitalizi costano più degli stipendi dei consiglieri in carica. Le regioni Lombardia, Trentino Alto Adige, Molise, Lazio e Piemonte hanno già provveduto a una prima sforbiciata.

Con modalità leggermente diverse tutte hanno imposto un contributo di solidarietà triennale che va dai 300 agli 800 euro mensili a seconda della "pesantezza" del vitalizio. Tanto per fare un esempio, il Trentino - che ha dovuto varare due leggi sui vitalizi - ha anche chiesto indietro dei soldi. Qui una cinquantina di ex consiglieri hanno restituito finora 19 milioni di euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il