BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Musei oggi 1 Gennaio 2015 di sera e gratis Roma, Milano, Torino, Firenze, Napoli. Orari, cosa visitare, dove andare

Musei aperti negli ultimi giorni del mese di dicembre 2014: dove andare, cosa visitare e mostre da vedere durante le feste




Da Milano, a Torino, Firenze, Roma, Napoli, tante le possibilità offerte dalle principali città italiane per queste feste natalizie 2014 dedicate agli amanti di arte, cultura e musei. Tante infatti le aperture straordinarie dei musei delle città. Per offrire una panoramica dei musei che resteranno aperti in via straordinaria per fine dicembre, gratis e a pagamento, partiamo da Milano dove saranno aperti Palazzo Reale dove ci sono in mostra Chagall, Van Gogh, Segantini; Palazzo Marino dove sarà in mostra la Madonna di Raffaello; ma anche anche Pinacoteca, Triennale e Hangar Bicocca.

Per i giorni e gli orari di apertura di Palazzo Reale ecco il calendario: 31 dicembre 9:30-14:30; 25 dicembre 14:30-18:30; 26 dicembre dalle 9:30 alle 19.30. L’ingresso per singola mostra costa 12-10 euro. Al Museo del Novecento allestita l'esposizione dedicata a Lucio Fontana e Yves Klein oltre alla collezione permanente del polo dell'Arengario. Aperto il 31 dicembre dalle 9:30 alle 14:30; il 25 dicembre dalle 14:30 alle 19:30; e il 26 dicembre dalle 9:30-19:30. Prezzo di ingresso: 10-8 euro. Gratis, invece, l'esposizione natalizia a Palazzo Marino La Madonna Esterhàzy di Raffaello, che si può visitare il 31 dicembre dalle 9:30 alle 18. La Triennale resterà chiusa il 31 dicembre; per il resto dei giorni di festa le mostre allestite si potranno visitare dalle 10:30 alle 20:30, con ingresso al costo 10 euro.

Musei aperti gratis e non solo anche a Roma: Palazzo Barberini, sede della Galleria Nazionale di Arte Antica, sarà aperto per tutti i giorni festivi fino al 6 gennaio e il 31 dicembre dalle 9:30 alle 13:30. Al Museo Nazionale d'Arte Orientale 'Giuseppe Tucci' nella sede di Palazzo Brancaccio, allestita la mostra il Peso della Leggerezza dell'artista giapponese Nobushige Akiyama che per gli orari festivi si potrà visitare dalle 9 alle 14:30. Allestita anche la mostra Sironi 1885- 1961 al Complesso del Vittoriano aperto dalle 15:30 alle 20:30 tutti i giorni delle festività.

Sempre aperto durante le feste natalizie il Museo Egizio di Torino: tra il 26 dicembre e il 6 gennaio compresi, offrirà inoltre alle famiglie un’esperienza unica nell’antico Egitto. L’iniziativa più attesa è ‘Seshen: luce di vita eterna’, una visita di due ore che comprende anche un laboratorio. Seshen è il nome che gli antichi egizi avevano dato alla pianta del loto, i cui fiori si aprono con la luce del mattino per richiudersi al tramonto: per questo il loto diventa simbolo di rinnovamento e rinascita e importante elemento decorativo nell’arte egizia. L’evento sarà riproposto tutti i giorni alle 15:10 (uniche eccezioni per i giorni di Capodanno, del 5 gennaio e dell’Epifania).

I musei aperti a Firenze durante le festività natalizie 2014, il Museo Nazionale del Bargello aperto da venerdì 26 dicembre 2014 a martedì 6 gennaio 2015 compresi dalle 8:15 alle 17. Il 26 dicembre è prevista l’apertura continuata dalle 8:15 alle 21. Il 5 gennaio, giorno a cavallo fra la prima domenica del mese e l'Epifania, è prevista la prima apertura straordinaria del 2015 della Galleria degli Uffizi e della Galleria dell’Accademia, dalle 8:15 alle 18:50. Nella stessa giornata saranno visitabili anche il Museo di San Marco (dalle 8.15 alle 13.50), la Chiesa e il Museo di Orsanmichele (dalle 10 alle 17), il Giardino della Villa medicea di Castello (dalle 8.15 alle 16.30), Villa medicea della Petraia (dalle 8.15 alle 16.30), Villa medicea di Poggio a Caiano (dalle 8.15 alle 16.30), Villa medicea di Cerreto Guidi (dalle 8.15 alle 16.30), il Cenacolo di Ognissanti (dalle 9 alle 12), il Cenacolo di Sant’Apollonia (dalle 8.15 alle 13.50), il Chiostro dello Scalzo (dalle 8.15 alle 13.50). Musei aperti negli ultimi giorni del mese anche a Napoli, dove resterà però chiuso il 31 dicembre il Museo archeologico nazionale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il