BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni 2015 INPS donne e uomini. Calcolo contributi, età, requisiti richiesti e assegno valore medio

Le ultime notizie sulle condizioni necessarie per andare in pensione nel 2015. Cancellate le penalizzazioni per chi si ritira prima dei 62 anni con i requisti contributivi già maturati.




Come cambiano i requisiti per andare il pensione nel 2015? Quali sono le nuove condizioni per ritirarsi dalla scena lavorativa? Saranno necessari 66 anni e 3 mesi per lavoratori dipendenti e autonomi e per lavoratrici del settore pubblico, 63 anni e 9 mesi per lavoratrici del settore privato; 64 anni e 9 mesi per lavoratrici autonome. In buona sostanza sono in vigore le stesse regole delle scorso anno. Le novità sono rappresentate dalla cancellazione dei disincentivi per va in pensione prima dei 62 anni pur avendo 42 anni e 1 mese di contributi (nel caso degli uomini) o 41 anni e 1 mese (se donne) e dall'introduzione di un tetto alle pensioni d'oro.

In merito alla pensione anticipata, per le persone in possesso di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995, sono richiesti 42 anni e 6 mesi di anzianità contributiva per gli uomini e 41 anni e 6 mesi per le donne. Solo nel 2018, l'età di pensione fra uomini e donne sarà parificata a 66 anni e 3 mesi per via della prospettiva di aumento della speranza di vita.

Per chi ha cominciato a lavorare in giovane età,, se uomini, servono 42 anni e 6 mesi di lavoro, se donne 41 anni e 6 mesi. Ma chi si congeda tra i 60 e i 62 anni va incontro a un disincentivo tra l'1 e il 2%. Di più, chi ha iniziato molto giovane e ha meno di 60 anni è soggetto a riduzioni maggiori. Per chi esercita lavori prevalentemente usuranti, se dipendenti di aziende private possono andare in pensione a 61 anni e se la somma della loro età e dell'anzianità di carriera raggiunge la quota di 97. Se autonomi, la somma deve essere pari a 98.

Dal primo marzo 2015 al 30 giugno 2018 i dipendenti del settore privato con almeno sei mesi di contratto alle spalle potranno chiedere di incassare il trattamento di fine rapporto ogni mese, man mano che lo maturano, inclusa la parte che viene versata a un fondo pensione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il