BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, donne, precoci riforma Governo Renzi: novità scomode, paradossi, realtà negative di cui pochi parlano

Nonostante una doppia importante correzione alla legge Fornero, la riforma pensioni non è decollata. Tante proposte sono rimaste chiuse in un cassetto.




Ruota attorno alla mancata introduzione di forme di flessibilità la flessibilità intorno alla riforma pensioni Renzi. Di tutte le proposte avanzata negli ultimi mesi, solo poche sono state accolte all'interno della legge di stabilità ovvero l'abolizione delle penalizzazioni per chi si congeda prima dei 62 anni con la maturazione dei requisiti richiesti e la fissazione di un tetto alle pensioni d'oro. A queste novità si sono aggiunte le ultime notizie relative all'inclusione fra i beneficiari nel nuovo assegno di disoccupazione di parte dei lavoratori a cui mancano pochi anni dal raggiungimento dei requisiti per il ritiro.

Per il resto sono rimaste lettera morta l'applicazione di quota 100 come somma dell'età anagrafica e degli anni contributivi; l'introduzione del prestito previdenziale per consentire il ritiro dal lavoro degli over 50 disoccupati e senza sostegni al reddito; l'estensione agli uomini del calcolo dell'assegno con il sistema contributivo così da permettere l'uscita anticipata e il ricambio generazionale; l'andata in pensione a 62 anni con 35 anni di contributi. Se ne riparlerà nel corso del 2015?

Fra le questioni lasciate cadere nel dimenticatoio o comunque non considerate dal governo meritevoli di un trattamento differenziato, c'è quella dei quota 96 del mondo della scuola. Si tratta di quei lavoratori che, nonostante il compimento di 61 anni d'età e il raggiungimento di 35 anni di contributi previsti dalla normativa di riferimento, non sono andati in pensione a causa dell'introduzione delle norme contenute nella riforma Fornero, che non hanno tenuto conto della peculiarità del calendario scolastico. Nonostante gli emendamenti alla legge di stabilità e le interrogazioni parlamentari, tutto è rimasto fermo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il