BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni uomini, donne, precoci, usuranti riforma Governo Renzi: novità negative, problemi, paradossi, errori di cui pochi parlano

Sono poche le ultime notizie sulla riforma delle pensioni che il vecchio anno ha portato con sé. Eppure non sono mancate le proposte costruttive.




Nonostante la correzione di alcune parti della legge Fornero, la riforma pensioni Renzi ha lasciato l'amaro in bocca. Sono troppe le risposte non date rispetto alle novità introdotte. E se da una parte lavoratori, organizzazioni sindacali e parte della politica invitano a mettere al primo posto dell'agenda politica le ragioni sociali, il governo frena ricordando come il Paese sia ancora bloccato e i margini di manovra sono pochi. Eppure sono tante le proposte di riforma pensioni che sono state restituite al mittente nonostante molte delle quali siano a costo zero o comunque contenuto.

A giustificazione dell'inerzia, nella maggior parte dei casi è stata tirata in ballo l'assenza di coperture economiche, ma spesso si è trattato anche di scelte politiche. Si va dall'introduzione di quota 100 per andare in pensione come somma di età anagrafica e anni di contribuzione, all'estensione del metodo contributivo a tutti i lavoratori in attività così da favorire l'uscita anticipata e pagare assegni più leggeri, dalla rivalutazione degli assegni all'allargamento dei beneficiari del bonus fiscale di 80 euro al mese.

Sotto quest'ultimo punto di vista è pubblicamente intervenuta Carla Cantone, segretario generale dello Spi-Cgil, secondo cui il governo si è dimenticato ancora una volta dei pensionati italiani: "La promessa di estendere il bonus fiscale di 80 euro non è stata mantenuta e ci viene il forte sospetto che si sia trattato solo di una mossa elettorale". Il suggerimento? "Sarebbe bene che nel 2015 il governo e il parlamento corressero ai ripari prestando attenzione alla condizione degli anziani e dei pensionati che da molti anni sono in forte sofferenza e che nonostante tutto continuano a fornire aiuto e sostegno a figli e nipoti senza lavoro".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il