BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Oroscopo 2015 Paolo Fox e Branko Leone, Vergine, Toro, Ariete, Gemelli, Cancro e altri segni. Confronto amore, salute,lavoro,soldi

A confronto l'oroscopo 2015 degli astrologi Branko e Paolo Fox per i nati sotto i segni di Gemelli, Cancro, Ariete, Toro, Leone, Vergine.




Quali sono le previsioni dell'oroscopo per il 2015 per i nati Gemelli, Cancro, Ariete, Toro, Leone, Vergine sotto i profili del lavoro, della salute dell'amore? Quali le prospettive secondo i noti astrologici italiani Paolo Fox e Branko?

Gemelli (22 maggio - 21 giugno). Per Branko occorre dimostrare agli altri e a se stessi che non si è solo capaci di mettere insieme belle parole e stupefacenti promesse. Per Paolo Fox in molti sentiranno l'esigenza di riorganizzare il proprio lavoro, ma non è detto che si tratta di modifiche negative.

Cancro (22 giugno - 22 luglio). Per Branko i nati sotto il segno del Cancro saranno rivolti al domani ma senza rinnegare la vera natura. Per Paolo Fox novità in amore e riscatto sotto il punto di vista lavorativo nei mesi autunnali.

Ariete (20 marzo - 20 aprile). Per Branko in questi momenti di grande disordine chi ha iniziativa e coraggio può compiere grandi imprese. Per Paolo Fox l'anno inizia bene: chi ha un progetto in ballo può darsi da fare per raccogliere risultati

Toro (21 aprile - 21 maggio). Per Branko non tutte le difficoltà sono ancora superate, ma adesso è tempo di essere ottimisti. Per Paolo Fox l'andamento nel 2015 inizia a essere interessante solo da agosto

Leone (23 luglio - 22 agosto). Per Branko Giove nel segno del Leone può sprigionare tutti i suoi positivi influssi. Per Paolo Fox dopo due anni di conflitti e tormenti ci sarà l'atteso riscatto.

Vergine (23 agosto - 22 settembre). Per Branko ci sono ancora conti in sospeso con il passato che vanno definitivamente chiusi. Per Paolo Fox nella prima parte dell'anno potrebbe essere rimesse in discussione molte situazioni sia dal punto di vista professionale sia da quello sentimentale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il