BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, donne, anzianità riforma Governo Renzi: novità riunione annunciata tra Ministro Padoan e Tito Boeri INPS

Previsto un nuovo incontro tra neo presidente Inps Boeri e ministro dell’Economia Padoan: di cosa si discuterà e quali novità pensioni potrebbero essere approvate?




Opzione contributivo donna, sistemi di uscita anticipata e modifiche necessarie per evitare si vada al voto per il referendum di abrogazione della riforma pensioni Fornero lanciato dalla Lega: queste le novità in discussione che saranno probabilmente protagoniste dell’incontro in programma tra neo presidente dell’Inps, Tito Boeri, e ministro dell’Economia Padoan, incontro che si preannuncia piuttosto impegnativo considerando le posizioni decisamente differenti dei due in tema di pensioni. Mentre, infatti, Boeri sostiene da tempo la necessità di interventi sulle pensioni, il ministro Padoan ne è fortemente contrario e le ultime notizie lo confermano.

Solo poco prima di Natale, infatti, Padoan ha escluso interventi immediati per modificare la riforma pensioni Fornero, perché si tratta dell’unica legge che assicura al nostro Paese una sostenibilità economica, che è quello che serve, nonostante gli errori che presenta. E’ vero, infatti, che la legge Fornero ha allungato i termini anagrafici di pensionamento e inasprito i requisiti, è vero che ha creato i casi esodati e quota 96, ma è anche vero che è capace di assicurare ben 80 miliardi di euro di risparmi (stimati fino al 2021) che farebbero certamente comodo all’Italia in un momento di difficoltà economica come quello che sta attraversando.

Eppure ci sono interventi che meritano di essere approvati, non solo perché a sostegno di lavoratori e pensionati, ma anche perché eviterebbero che si arrivi al voto sul referendum lanciato dalla Lega che chiede la totale cancellazione delle norme Fornero per il ritorno alle vecchie regole pensionistiche, cosa che permetterebbe anche l’immediata soluzione di casi esodati e quota 96. Ma questo significherebbe far crollare l’intero impianto della riforma Fornero e di conseguenza far ‘scomparire’ anche gli 80 miliardi.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il