BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, anzianità, uomini riforma Governo Renzi: novità modifiche saranno presto presentate in documento ufficiale

Governo pronto a presentare le memorie su referendum abrogazione riforma pensioni Fornero indetto dalla Lega: cosa aspettarsi




Tra proposte di uscita anticipata e flessibile per tutti, aumenti delle pensioni minime, soluzioni eventuali per quota 96 della scuola e rivalutazione negativa delle pensioni, sono diversi gli argomenti allo studio del governo per intervenire realmente quest'anno con modifiche all'attuale riforma pensioni Fornero. Modifiche che, come più volte spiegato, sono diventate importanti soprattutto perchè necessarie ad evitare che si vada al voto per il referendum abrogativo lanciato dalla Lega che chiede la completa cancellazione dell'attuale legge pensionistica.

E così, in rapporto a quanto previsto dal referendum, il governo si prepara a presentare le memorie per definire la propria posizione sull’attuale riforma pensionistica e sul referendum abrogativo che vuole eliminare definitivamente nella prossima primavera, si parla di marzo 2015, l'articolo 24 del decreto legge 201/2011 per tornare alle vecchie regole di uscita dal lavoro. E dopo la Cassazione, si attende inoltre il parere della Consulta sull’ammissibilità del referendum, parere che dovrebbe arrivare nelle prossime settimane. E’ chiaro, dunque, perché il governo voglia spingere sull’acceleratore per mettere a punto modifiche alla legge Fornero.

Cancellarla del tutto, come richiesto dalla Lega, significherebbe cancellare quei risparmi del valore di ben 80 miliardi di euro che la legge Fornero garantisce , cifra importante che certamente al governo italiano, in un periodo di grave difficoltà economica come quello che sta affrontando, fanno decisamente comodo. E, infatti, non è un caso che l’esecutivo sia pronto già a rimettersi a lavoro per definire nuovi interventi sulle pensioni sin da questi primi mesi del nuovo 2015.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il