Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: Mini pensione, contributivo, quota 100, prestito. Per chi, quali proposte e quando

Quali sono le ipotesi di uscita anticipata ancora al vaglio del governo per modificare la riforma pensioni Fornero? I piani allo studio

Pensioni Governo Renzi riforma ultime no


Uscita anticipata con prestito pensionistico o mini pensione, a quota 100, con 62 anni di età e 35 anni di contributi e penalizzazioni, o con sistema contributivo per tutti: queste le novità che potrebbero cambiare la riforma pensioni attuale, che potrebbero essere approvate il prossimo anno, e che dovrebbero riguardare tutte le categorie di lavoratori e non solo alcune. A questi nuovi probabili interventi si affianca quello ormai approvato nella nuova Legge di Stabilità che cancella le penalizzazioni per chi, maturata l’anzianità contributiva, decide di andare in pensione prima dei 62 anni di età.

Su questa misura si attendono però ancora definizioni da parte dell’Inps mentre, per quanto riguarda le ipotesi di pensione anticipata, tra quelle di più probabile approvazione, il sistema contributivo che però dovrebbe essere esteso a tutti. Come si era detto già tempo fa, si tratta di un meccanismo che non richiederebbe particolari discussioni per l’approvazione considerando che si tratterebbe solo di prorogare una norma già esistente, quale quella dell’opzione contributivo donna.

Dell’opzione donna, approvata già dall’Inps fino al 31 dicembre 22015, e che avrebbe dovuto essere confermata nella nuova Legge di Stabilità, non si è saputo più nulla e non è arrivata alcuna notizia ufficiale. E forse il prossimo anno potrebbe essere quello giusto perché si arrivi ad una decisione definitiva che permette a uomini e donne, dipendenti e autonome, di andare in pensione prima accettando però di calcolare la propria pensione finale esclusivamente con metodo contributivo e quindi ricevendo un assegno ridotto.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il