Pensioni anzianitą, donne, uomini riforma Governo Renzi: novitą, interventi concreti partiti, Ministri, INPS.Chi appare pił deciso

Si riapre il dibattito sulle novitą pensioni gią in questo inizio di 2015 tra posizioni forze politiche, referendum abrogativo della Lega e idee nuovo presidente Inps Boeri

Pensioni anzianitą, donne, uomini riform


Si riapre il dibattito sulle novità pensioni già in questo inizio di 2015 e ad animare le discussioni la nuova nomina di Tito Boeri presidente dell’Inps. Economista dell’Università Bocconi e professore alla  London School of Economics, Boeri è convinto, come tantti, che la riforma pensioni Fornero sia stata giusta per il clima in cui è stata elaborata ma che oggi, alla luce di cambiamenti che si sono verificati nel tempo e delle conseguenze che stanno creando alcuni errori in essa contenuti, come caso esodati e quota 96 della scuola, ha bisogno di essere modificata e, contrariamente a quanto sostenuto dal ministro dell’Economia Padoan che invece si dice contrario a qualsiasi intervento sulla riforma pensioni che è in grado di garantire sostenibilità economica all’Italia, punta su diversi fronti.

Dalla maggiore flessibilità in uscita, alla staffetta generazionale per favorire l’occupazione giovanile, al taglio della pressione fiscale sul lavoro e agli incentivi della produttività, ad una maggiore equità, con aliquote progressive di tassazione sulla parte di quegli assegni previdenziali calcolati con sistema retributivo, all’introduzione di una contributo di solidarietà sulle pensioni superiori ai 2mila euro lordi mensili, che porterebbe a risparmi da utilizzati, “per contrastare la povertà assoluta, partendo dalle fasce di età più colpite dalla crisi come giovani ed esodati”.

A proporre modifiche alle pensioni attuali anche Silvio Berlusconi, che lancia l’idea di un aumento delle pensioni minime, a mille euro; e Cesare Damiano e ministro del Lavoro Poletti che rilanciano le loro proposte di uscita a 62 anni con 35 anni di contributi e penalizzazioni e prestito pensionistico. E mentre ci si prepara a mettersi a lavoro su proposte di modifica per le pensioni attuali, la Lega, sostenuta da Sel e Cgil, spinge per il suo referendum che chiede invece la totale abolizione della legge pensionistica Fornero.

Ti č piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il