BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni 2015 INPS: donne e uomini. Metodi di uscita, come funziona e auando si può andare. Calcolo età, contributi e regole

Requisiti pensionistici necessari per accedere alla pensione in questo 2015 e differenze tra uomini e donne: nulla di nuovo per quest’anno ma cambia valore assegni




Tutti ancora in pensione a 66 anni e tre mesi e con 42 anni e sei mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e sei mesi di contributi per le donne: non cambia, dunque, nulla per quanto riguarda i requisiti necessari per andare in pensione quest’anno rispetto al 2014. I primi cambiamenti, per effetto della riforma pensioni Fornero che adegua l’aumento dell’età pensionabile al crescere dell’aspettativa di vita, inizieranno a farsi sentire dal prossimo 2016, quando l’età per accedere alla pensione salirà di qualche mese, per cui si potrà uscire a 66 anni e sette mesi. E i mesi saliranno ulteriormente, di tre, quattro, ogni due anni, e fino al 2021 (per il momento).

Per quest'anno, dunque, per raggiungere la pensione di vecchiaia i requisiti chiedono il raggiungimento di 66 anni e 3 mesi per gli uomini e le donne del settore pubblico, mentre per le donne dipendenti del privato  saranno necessari 63 anni e 9 mesi e per le lavoratrici autonome 64 anni e 9 mesi d'età anagrafica.

Con l'approvazione della nuova Legge di Stabilità 2015 cambiano invece le norme per il pensionamento anticipato di coloro che hanno maturato l'anzianità contributiva richiesta ma non hanno raggiunto i 62 anni di età. In particolare, da quest’anno, e fino al 31 dicembre 2017, vengono cancellate le penalizzazioni previste dalla riforma pensioni Fornero per chi decide di accedere alla pensione anticipata anche prima del 62esimo anno d'età.

Per lasciare il lavoro senza alcuna penalizzazione basterà aver versato 42 anni e 6 mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e 6 mesi per le donne. ciò che invece cambia quest’anno è il valore dell’assegno pensionistico, a causa della restituzione della rivalutazione dell'1,1% del 2014, per una decurtazione media mensile che oscillerà tra i 5,40 e i 62,20 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il