BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, vecchiaia,uomini riforma Governo Renzi: novità modifiche in Italia consegeuenti trattative segrete tra Ue e Grecia

Situazione pensioni in Italia e cosa potrebbe accadere con elezioni presidenziali in Grecia: possibili novità sulla riforma pensioni Fornero?




Dopo le discussioni e le novità del governo Renzi sulle grandi questioni del nostro Paese, resta ancora aperta la questione sulle modifiche richieste da tempo e non ancora arrivate sulla riforma pensioni Fornero, modifiche che puntano a garantire una maggiore flessibilità per tutti; che chiedono di aumentare le pensioni minime, per ridare nuovo impulso all’economia; e che vogliono evitare si arrivi, presumibilmente la prossima primavera, al voto sul referendum indetto dalla Lega che vuole cancellare del tutto la legge pensionistica oggi in vigore.

Si tratta, dunque, di cambiamenti che stanno diventando decisamente importanti e per cui il governo Renzi deve superare l’ostacolo di Tesoro e ministro dell’Economia Padoan che sono contrari a interventi sulla riforma pensioni Fornero, ma anche dell’Ue che chiede di mantenere la legge Fornero così com’è intervenendo sulle pensioni solo con taglio ad una spesa pensionistica ritenuta decisamente troppo alta. E si attendono, in merito, come le ultime notizie confermano, i risultati di importanti avvenimenti in programma proprio in questo mese di gennaio.

Il 14 gennaio, infatti, la Corte Costituzionale inizierà l’analisi sull’ammissibilità del referendum abrogativo della legge Fornero, proposto dalla Lega e gli occhi dell’Ue sono puntati sulla decisione sul referendum, considerata, nonostante gli errori, comunque importante per la sostenibilità dei conti pubblici tanto dell’Inps quanto dello Stato italiano in generale, capace di garantire, secondo le stime, fino al 2021, risparmi per ben 80 miliardi di euro.

E’ chiaro, dunque, come la cifra sia considerevole da scongiurare che si arrivi al voto sul referendum che potrebbe avere esito positivo e cancellare questi risparmi con l’abrogazione della legge Fornero, che chiamerebbe di nuovo il governo italiano a nuove misure da adottare per evitare che scattino nuovi aumenti dei contributi e delle tasse. Gli occhi di Bruxelles sono, però, puntati anche sulla nuova nomina del Presidente della Repubblica italiano, Giorgio Napolitano, e sui risultati elettorali della Grecia.

Il Paese rischia, come si dice, l’uscita dall’euro ma una tale ipotesi significherebbe rompere quel ‘patto’ dell’Ue cui hanno deciso di sottostare i Paesi europei e per questo, secondo molti esperti, saranno messi nuovamente in atto piani di salvataggio. Secondo quanto si vocifera, infatti, la Grecia potrebbe ottenere aiuti dall’Ue, per alleggerire il debito pubblico del Paese e per evitare l’uscita dall’euro, aiuti che potrebbero favorire proprio Tsipras, il leader di Syriza, già dato in vantaggio nei sondaggi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il