BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Android 5: Samsung Galaxy S5 aggiornamento in Italia. Meglio attendere Android 5.0.1 e 5.0.2 per installare e scaricare

Sbarca in Italia l'aggiornamento di sistema operativo Android 5.0 Lollipop per Samsung Galaxy S5 con logo Vodafone. A seguire i modelli no brand.




Al via in Italia la distribuzione dell'aggiornamento di sistema operativo Android 5.0 Lollipop per Samsung Galaxy S5 con brand Vodafone. I prossimi modelli a essere coinvolti dovrebbero essere quelli no brand, quindi i top di gamma del produttore asiatico con il marchio degli operatori telefonici TIM e Wind. Da qui alla fine di gennaio, il rollout del software subirà un'accelerazione e i consumatori potranno effettuare l'upgrade direttamente dal proprio dispositivo via OTA. Il principale interrogativo, tuttavia, non riguarda più i tempi di disponibilità dell'aggiornamento, ma la convenienza di questa operazione.

Sono infatti tanti i problemi segnalati dagli utenti degli altri Paesi che hanno costretto la società di Mountain View a correre ai ripari con gli update correttivi Android 5.0.1 e Android 5.0.2 mentre all'orizzonte si prospetta il più sostanzioso Android 5.1. Non solo, ma in Polonia, uno dei primi mercati coinvolti, BigG ha già rilasciato una seconda release di Lollipop (numero G900FXXU1BNL9) che sistema alcuni dei difetti venuti subito alla luce. Il consiglio è dunque di attendere qualche giorno, informarsi sul funzionamento e sull'impatto del software sul terminale, prima di procedere con l'installazione.

Per verificare la disponibilità dell'upgrade di sistema operativo sul proprio dispositivo basta seguire il percorso Impostazioni > Info sul telefono > Aggiornamenti sistema. Non c'è solo l'attuale smartphone di punta fra i device Samsung coinvolti da Android 5.0 Lollipop. In rampa di lancio c'è il Samsung Galaxy Note 4 e a seguire il Samsung Galaxy S4, il Samsung Galaxy S4 Mini e il Samsung Galaxy Note 3, per cui è già disponibile il primo firmware ufficiale beta.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il