BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Iscrizioni scuola 2015 secondaria, materna, prima online su sito Miur. Come funziona, istruzioni, regole, soluzioni problemi

Al via domani la procedura di registrazione al portale del Ministero dell'Istruzione, passaggio preliminare per l'iscrizione a scuola.




Da domani 12 gennaio 2015 sarà attivo il servizio sul sito del Ministero dell'Istruzione per la registrazione preliminare per le iscrizioni online agli istituti scolastici. La procedura vera e propria sarà possibile dal 15 gennaio al 15 febbraio 2015. La principale novità è rappresentata dall'opportunità di iscrizione nelle regioni che hanno detto sì ai corsi di istruzione e formazione presso i Centri di formazione professionale regionali.

Lo scorso anno il passaggio preliminare per l'iscrizione è stata la registrazione nel portale del Miur. Solo dopo il ricevimento del codice personale di accesso sulla propria casella di posta elettronica (a meno che non se ne era già in possesso), era possibile scegliere la scuola. Il modello di domanda di iscrizione online era composto da due sezioni. Nella prima andavano inseriti i dati anagrafici dello studente e quelli della scuola scelta. In questo spazio era anche possibile specificare le preferenze sull'orario scolastico nel caso di prima iscrizione, o l'indirizzo di studio per la scuola secondaria di secondo grado.

La seconda parte del modello era quella più specifica e conteneva informazioni dettagliate sulla scuola, rispetto alle quali veniva data l'opportunità di scegliere se usufruire di alcuni dei servizi eventualmente offerti. Solo al termine della compilazione di queste due sezioni era possibile inoltrare la domanda di iscrizione attraverso la procedura guidata. Sulla casella di posta elettronica indicata nella fase di registrazione al portale del Ministero dell'Istruzione, veniva inviato un messaggio di corretta acquisizione dell'istanza. Sul portale del Miur era possibile seguire lo stato aggiornato dei diversi passaggi dell'iscrizione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il