BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: referendum abolizione Fornero Lega come si vuol annullare. La strategia già vista

Atteso il parere della Corte Costituzionale su legittimità referendum abrogativo riforma pensioni Fornero ma si attendono anche le memorie del governo: cosa proporranno




Mentre si attende il parere della Corte Costituzionale sull’ammissibilità al voto del referendum che vuole cancellare del tutto la riforma pensioni Fornero, lanciato dalla Lega e che ha ricevuto il primo via libera dalla Cassazione, il governo si appresta a presentare le memorie con cui ‘rispondere’ proprio alla proposta di referendum e in cui dovrà rendere noti i piani del’esecutivo in discussione per modificare il sistema pensionistico attuale senza necessità di una sua totale cancellazione. Si tratta di memorie che potrebbero avere lo stesso risultato già ottenuto con la multa, saltata, inflitta dall’Ue all’Italia per la violazione dei diritti umani a causa del sovraffollamento carcerario e le terribili condizioni di vita denunciate nelle strutture penitenziarie italiane.

In quella occasione, il governo italiano si era affrettato a presentare all’Ue proposte di quelle misure poi contenute nel decreto svuota carceri, di risarcimenti economici e sconti pena, per evitare la procedura d'infrazione carceri ed evitare problemi di procedimenti per le misure di indulto e amnistia. E alcuni ritengono che con la presentazione delle memorie si possa agire nello stesso modo per le pensioni.

Dovranno essere infatti riportati gli eventuali provvedimenti, alternativi alla cancellazione totale della legge Fornero e quindi al ritorno in vigore delle vecchie regole pensionistiche, che potrebbero puntare sia su quei sistemi di uscita anticipata e flessibile per tutti, come uscita a quota 100, prestito pensionistico o mini pensione, sistema contributivo per tutti, sia su modifiche come revisione delle baby pensioni e delle pensioni integrative, di invalidità e reversibilità di cui ha già parlato anche il premier Matteo Renzi.

Qualsiasi proposta sarà presentata dovrebbe comunque garantire risultati positivi, tanto in termini di risparmi, quanto di nuova spinta all’economica, con la rimessa in moto dell’occupazione derivante dai piani di prepensionamento dei lavoratori più anziani che lascerebbero posti di lavoro liberi per i più giovani, oggi disoccupati, e di ripristino dell’equità sociale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il