BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, precoci, uomini, usuranti riforma Governo Renzi: novità Gennaio 2015. Referendum abolizione Legge Fornero rinviato

Al via un 2015 che potrebbe cambiare la riforma pensioni Fornero: ma quali le reali possibilità di cambiamento e appuntamenti importanti




L’inizio del 2015 potrebbe rivelarsi un periodo importante per le novità che potrebbero cambiare la riforma pensioni Fornero, ma potrebbe tutto rivelarsi, ancora una volta, illusorio, anche se, a differenze dei mesi scorsi in cui si sono susseguiti annunci e promesse rimaste solo parole, ora sembra essere davvero arrivato il momento per il governo Renzi di mettere mani sulla questione previdenziale. E le ultime notizie sembrano anche dare nuova spinta alla ripresa delle discussione, visto che si preannunciano importanti avvenimenti.

Si parte il 14 gennaio quando la Corte Costituzionale inizierà l’analisi sull’ammissibilità al voto del referendum promosso dalla Lega che chiede la cancellazione della riforma pensioni Fornero. E l’attesa cresce, dopo il primo via libera avuto dalla Cassazione, perché se si andasse davvero al voto (presumibilmente la prossima primavera) il rischio è eliminare una legge in grado di garantire ben 80 miliardi di euro di risparmi. E nonostante problemi e casi sociali creati dalla stessa, sarebbe una difficoltà grande per il governo italiano dover rinunciare ad una cifra del genere.

Ma si potrebbero mantenere questi risparmi semplicemente modificando l’attuale impianto della legge pensionistica, correggendola in qualche sua parte, senza farne però cadere del tutto la struttura. Ma per applicare modifiche reali, che si riferiscono soprattutto a quei piani di uscita anticipata tanto auspicati da tutti, che sono prestito pensionistico o mini pensione, uscita a quota 100, sistema contributivo per tutti o pensione anticipata a 62 anni con 35 anni di contributi e penalizzazioni, bisogna superare gli ostacoli di Ue e ministro dell’Economia Padoan che continuano a difendere la legge Fornero.

Probabilmente qualche novità potrebbe riservarla l’incontro in programma tra il ministro dell’Economia Padoan e il nuovo presidente dell’Inps Boeri, che pur sostenendo l’importanza che la riforma pensioni Fornero ha avuto nel momento in cui è stata formulata, a causa delle condizioni di Italia in cui è nata, ora ritiene debba essere comunque modificata, sia per garantire quella maggiore flessibilità richiesta da tutti, sia per creare maggiore equità nel sistema previdenziale, in generale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il