BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui Gennaio 2015 variabile e fisso. Confronto offerte migliori tassi di interesse, condizioni, spese accessorie.

Comparare casa in questo mese di gennaio 2015: come scegliere la tipologia di mutuo migliore, condizioni da considerare e offerte




In molti continuano a sostenere che, nonostante la crisi che sta colpendo le famiglie italiane, sia il momento migliore per acquistare una. I prezzi, infatti, sono decisamente calati ma c'è da considerare che ciò che grava sull'acquisto, insieme chiaramente al prezzo dell'immobile, è il tasso applicato dalla banca. E' questo lo scoglio da superare per accendere un buon mutuo. Il consiglio è sempre quello di valutare la scelta del tasso fisso o variabile, a seconda delle proprie esigenze e della propria tranquillità.

E' vero infatti che il variabile è sempre il preferito, considerando che i tassi bassi del momento e quindi rate mensili che sono inferiori da quelle dei mutui a tasso fisso, ma è anche vero che bisogna considerare le possibili oscillazioni del mercato che potrebbero portare la rata mensile e 'ballare'. E allora c'è chi, per domire sonni tranquilli senza preoccuparsi di eventuali movimenti del mercato, decide di optare per la rata fissa che, seppur più alta, resta sempre quella negli anni a prescindere da ogni genere di cambiamento.

Prima comunque di accendere un mutuo è sempre bene confrontare le diverse offerte che le banche propongono, mettendo a confronto tipologia di tasso, taeg e le condizioni cui quel determinato tipo di mutuo in quella determinata banca è soggetto. Alcuni preferiscono poi orientarsi sui mutui online che dovrebbero garantire un risparmio rispetto a quelli tradizionali. E tra le principali proposte, convenienti sono quelle di Webank, che non prevede spese di attivazione o gestione del finanziamento e fornisce a costo zero la perizia sull’immobile, prevede gratis la polizza casa Incendio e altri rischi e assicura il valore di ricostruzione dell’immobile indipendentemente dal debito residuo.

Prendendo il caso di un dipendente a tempo indeterminato che decide di acquistare una casa del valore di 150mila euro stipulando un mutuo per 140mila euro, due sono le offerte migliori in questo mese di gennaio 2015, quella di Mutuo Domus variabile multiopzione di Intesa Sanpaolo che prevede il pagamento di una rata mensile di 681,61 euro ad un tasso del 3,31% con taeg al 3,51%; e quella di Mutuo Verso Casa di Credem, mutuo sempre a tasso variabile, che prevede il pagamento di una rata mensile di 719,31 euro, ad un tasso del 3,82% e con un taeg del 3,94%.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il