BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Partita iva nuovo regime dei mini 2015: tassazione, regole, contributi. Chi,come può fare domanda e differenze chi la possiede già

I contribuenti che vogliono avviare una nuova impresa o attività professionale da gennaio 2015 possono accedere al nuovo regime dei minimi: cosa prevede




I contribuenti che hanno intenzione di avviare una nuova impresa o attività professionale da questo mese di gennaio 2015 possono accedere al nuovo regime dei minimi direttamente al momento della richiesta di apertura della partita Iva ma l’Agenzia delle Entrate chiarisce ‘fino all’approvazione e pubblicazione del modello aggiornato della dichiarazione di inizio attività, per usufruire del nuovo regime semplificato basterà barrare la casella prevista per l’adesione al precedente Regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità, previsto dall’art 27, commi 1 e 2 del Dl n. 98/2011’.

Rispetto al vecchio regime dei minimi che prevedeva, per cinque anni o fino al compimento del 35esimo anno di età, un’aliquota di tassazione al 5% per ricavi fino a 30mila euro, il nuovo regime prevede una tassazione al 15% per coloro che ricevono compensi compresi tra i 15 e i 40mila euro, in base all’attività professionale svolta.

E’ un regime agevolato soprattutto per artigiani e commercianti, perché non saranno più obbligati a versare contributi minimi ma determineranno i contributi previdenziali da versare, a seconda del reddito realmente prodotto, senza versare la contribuzione Inps annualmente. L'Agenzia delle Entrate ha precisato che ‘Tra i vantaggi che derivano dall’adesione al nuovo regime, nessuna ritenuta d’acconto da applicare ed esonero dal versamento dell’Iva e dai principali adempimenti, come, ad esempio, l’obbligo di registrazione e di tenuta delle scritture contabili. Inoltre nessun limite temporale per la permanenza nel regime e nessun limite di età per accedere. Chi si avvale del regime per avviare una nuova attività, infine, beneficerà di un’ulteriore riduzione di 1/3 del reddito imponibile per i primi 3 anni’.

Il nuovo regime dei minimi vale certamente per tutti coloro che decidono di aprire la partita Iva in questo nuovo 2015 e che sin dal momento della loro decisione scelgono questa possibilità, ma si tratta di un regime cui possono passare anche coloro che oggi rientrano nel vecchio regime dei minimi e aderire alla tassazione del 15% che durerà per sempre e non si esaurisce come accade invece per il vecchio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il