Canone Rai 2015: per chi non ha pagato scorsi anno, multe Equitalia annullate e cartelle. Cosa cambia quest'anno

Scadono il 31 gennaio i termini per il pagamento del Canone Rai. Verso la sanatoria per le cartelle Equitalia inferiori a 300 euro.

Canone Rai 2015: per chi non ha pagato s


Anche per quest'anno l'importo da pagare per il canone Rai è di 113,50 euro. L'ultimo giorno utile per mettersi in regola ed evitare di dover versare interessi aggiuntivi per multe e sanzioni è il 31 gennaio 2015 versare l'intera quota. Stando alle norme in vigore, nel caso di saldo della quota entro i 30 giorni successivi alla data di scadenza, la sanzione amministrativa è pari a 4,47 euro ovvero a 1/12 dell'importo per ogni semestre. Trascorso questo prime mese, la somma sale fino a 8,94 euro ovvero 1/6 del canone per ogni semestre. La cifra massima che può essere comminata al contribuente inadempiente è di 619 euro.

Tuttavia è possibile versare l'imposta anche in 2 o 4 rate. In caso di pagamento semestrale le scadenze sono il 31 gennaio e il 31 luglio (rate di 57,92 euro ciascuna), altrimenti il 31 gennaio, il 30 aprile, il 31 luglio e il 31 ottobre (30,16 euro). Gli importi sono comprensivi della tassa di concessione governativa e dell'imposta sul valore aggiunto (4%) esclusa la tassa di versamento postale o le commissioni dovute per le altre modalità. Non è prevista l'esenzione del versamento per mancato utilizzo dell'apparecchio perché si tratta di un tassa che grava sul possesso del televisore.

Per il pagamento è possibile utilizzare il bollettino postale, recarsi nelle tabaccherie del network Lottomatica Servizi, utilizzare il servizio di carte di credito al telefono, o l'applicazione Canone TV per iPhone, iPad e smartphone e tablet equipaggiati con sistema operativo Android. La legge di stabilità ha previsto la sanatoria delle cartelle Equitalia precedenti al 2004 e fino al 2000 se inferiori al tetto di 300 euro. In questo modo sarebbero condonati anche coloro che non hanno versato il canone Rai.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il