BusinessOnline - Il portale per i decision maker








IMU terreni agricoli 2014- 2015: soluzioni ai problemi calcolo, proroga, regole, esenzioni in trattative condizionati da regole Ue

Per via di un problema di contabilità europea, lo spostamento del pagamento dell'Imu sui terreni agricoli è un'operazione difficilmente realizzabile.




La partita del pagamento dell'Imu sui terreni agricoli si gioca su più tavoli. C'è quello politico su cui il governo punta a mantenere la data del 26 gennaio 2015 come ultime giorno utile per effettuare il versamento e le associazioni di categorie si oppongono per i tempi ristretti. La protesta è arrivata a Roma e negli uffici della Camera dei deputati di via di Campo Marzio a Roma, i sindaci dei Comuni montani hanno incontrato il ministro degli Affari Regionali Maria Carmela Lanzetta e il viceministro alle Politiche Agricole Andrea Olivero.

Poi c'è quello giudiziario su cui si attende la pronuncia di merito del Tar del Lazio. Più nel dettaglio i giudici amministrativi prenderanno una decisione solo il 21 gennaio. E poi c'è quello europeo: per una questione di contabilità, infatti, non sembra possibile la proroga del pagamento a giugno, così come inizialmente prospettato.

Il limite di altitudine entro il quale far pagare l'imposta sui terreni agricoli è stato fissato a 600 metri. Nulla è però richiesto ai comuni della provincia autonoma di Bolzano che ha già istituito l'Imposta municipale immobiliare, ai coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, iscritti nella previdenza agricola, ai comuni ubicati a un'altitudine tra 281 e 600 metri, ai coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali che hanno un terreno in comodato o in affitto, ai possessori di terreni a immutabile destinazione agro-silvo-pastorale a proprietà collettiva indivisibile e inuspicabile.

Sono state fissate esenzioni per fasce di reddito reddito: il valore del terreno deve essere maggiore di 6.000 euro e si applicano riduzioni pari al 70% tra 6.000 e 15.500 euro, al 50% tra 15.500 e 25.500 euro, al 25% tra 25.500 e 32.000 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il