BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Isee 2015: calcolo e simulazione INPS. Documenti necessari, compilazione DSU e dichiarazione INPS. Come fare domanda, istruzioni

Come cambia il nuovo Isee 2015, come richiedere e compilare modello e novità anche per la Dsu. Tutte le novità del nuovo anno




Cambia l'Isee 2015, modello di certificazione che serve per definire il diritto d’accesso alle prestazioni assistenziali. L'Isee permette, infatti, di richiedere l’assegno per il nucleo familiare, l’assegno di maternità, agevolazioni per asili nido ed altri servizi educativi per l’infanzia, mense scolastiche, prestazioni scolastiche (libri scolastici, borse di studio, ecc), agevolazioni per tasse universitarie, prestazioni del diritto allo studio universitario, benefici e agevolazioni per servizi socio sanitari domiciliari, diurni, residenziali, ecc, e agevolazioni per l'affitto o i bonus per bollette di gas, energia elettrica, acqua, bollette telefoniche, nonché tariffe agevolate per le tasse su rifiuti, Tasi o ticket sanitari.

La certificazione ISEE ha la validità di un anno dalla data di sottoscrizione. Le novità del modello Isee 2015 riguardano principalmente i conti correnti bancari o postali: rispetto a quanto accadeva fino allo scorso anno quando per richiedere l’Isee bisognava presentare il saldo finale al 31 dicembre, cosa che avrebbe potuto essere facilmente modificata dai contribuenti, da quest’anno bisognerà presentare un documento con l'indicazione della giacenza media annua.

I contribuenti avranno da quest’anno anche una minore possibilità di autocertificazione, che riguarderà pochissimi documenti ormai, mentre i dati di maggiore interesse deriveranno dall'incrocio dei dati presenti negli archivi Inps e dell'Agenzia delle Entrate, e includeranno anche i dati patrimoniali e reddituali che finora ne erano stati esenti. Cambia anche la franchigia sul patrimonio mobiliare, che però considererà i componenti del nucleo familiare. Per la casa, oltre che di eventuali figli conviventi, è stato introdotto nel calcolo del valore dell'immobile anche una riduzione pari all'eventuale mutuo ancora in essere e per chi è in affitto viene aumentato a 7.000 euro l'anno l'importo massimo deducibile.

Per quanto riguarda, invece, i nuclei familiari con un disabile, la novità riguarda l'introduzione di 3 diverse franchigie sul reddito in base alla gravità del bisogno: 4.000 euro per disabilità media, 5.500 euro per disabilità grave e 7.000 euro per persone non autosufficienti (gli importi aumentano se l'interessato è un minore). Altra novità di questo 29015 è l'Isee corrente, una dichiarazione che può essere presentata in caso di perdita del lavoro e con un reddito che varia in misura maggiore al 25%. In questi casi per ottenere agevolazioni fiscali non si considererà più la sola situazione dell'anno precedente, ma anche la condizione economica della famiglia al momento di richiesta di una prestazione sociale.

Per compilare il nuovo modello Isee cambia anche la DSU, dichiarazione unica sostitutiva, documento che contiene le informazioni sui dati anagrafici, reddituali e patrimoniali che definiscono la situazione economica del nucleo familiare per la richiesta di prestazioni sociali agevolate; ma anche le informazioni sul nucleo familiare alla data di presentazione della domanda, i dati relativi alla casa di abitazione, attività lavorativa, e su tutti i redditi tassati con regimi sostitutivi o a titolo di imposta, da quelli dei contributi minimi, alla cedolare secca sugli affitti, ecc; tutti i redditi esenti, come pensioni di invalidità, assegno sociale, o indennità di accompagnamento; e i redditi figurativi degli immobili non locati e delle attività mobiliari.

Le novità sui patrimoni mobiliari prevedono l'obbligo di riportare il saldo nei conti bancari e postali; il valore dei titoli di Stato e obbligazioni; il valore delle quote dei fondi d'investimento e delle azioni possedute; titoli in società non quotate; e il valore del patrimonio netto nelle imprese individuali. Per richiedere il nuovo Isee, i contribuenti dovranno recarsi al Caf e compilare la Dsu 2015, che verrà poi inviata al sistema informativo dell’Isee gestito dall’Inps., che si occuperà di analizzare la domanda Inps e dare parere positivo o meno all’erogazione delle agevolazioni.

Si può compilare il modello Inps anche senza richiedere l'aiuto ai Caf. Ogni contribuente può farlo accedendo ai sistemi informatici. La procedura da seguire prevede l’Accesso al sistema– Acquisizione interattiva– Compilazione modello base– Nucleo famigliare– Patrimonio – prestazioni richieste. Per inviare l’Isee in via telematica bisogna avere l’apposito Pin per lo svolgimento delle operazioni necessarie.

Per effettuare la simulazione online del calcolo Isee cliccare sul seguente link:

http://www.inps.it/servizi/isee/simulazione/simulazionecalcolo.asp

ISEE 2016: calcolo e compilazione passo passo. Il modello ISEE è un ottimo strumento per ottenere benefici ed esonerei nei pagamenti per alcuni servizi pubblici come la mensa scolastica, il ticket, autotrasporti, università... ecco come compilarlo e quali documenti presentare per le detrazioni

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il