Studio sui corporate blog di successo. Cosa deve avere un blog aziendale per essere efficace?

Giusto qualche giorno fa, dilungandomi nel raccontarvi la nostra esperienza di blogger, esprimevo quanto un termine come ‘successo’, specie se associato ad un blog, sia quanto meno declinabile in mille interpretazioni diverse



Giusto qualche giorno fa, dilungandomi nel raccontarvi la nostra esperienza di blogger, esprimevo quanto un termine come ‘successo’, specie se associato ad un blog, sia quanto meno declinabile in mille interpretazioni diverse.

La ragione di ciò è presto non è poi così oscura: ciascuno di noi cerca di raggiungere i propri obiettivi, personali o aziendali che siano, attraverso un blog (sempre che sia il caso di aprirne uno). Se ci riusciamo, allora in primis per noi stessi, il nostro (corporate) blog sarà un successo. Se invece il blog non dovesse essere un successo, diremo: alea.

Probabilmente però la presenza di uno o più ‘precedenti’ può aiutare a fissare alcuni parametri oggettivi, alcuni indicatori di rilevanza in grado di offrirci una panoramica innanzitutto più ampia di quella che è la dimensione in cui si va a collocare un blog, ma anche di come lavorare sui contenuti, sulla comunicazione, sulla figura del (corporate) blogger, sull’immagine e i valori che di un'azienda vogliamo trasmettere. Lo studio segnalato da Steve Rubel e realizzato da Backbone Media e la Northeastern University, va esattamente in questa direzione: come avere successo con un blog.

Grazie ad interviste fatte a 20 corporate blogger di rilievo, è stato possibile individuare alcuni fattori critici per avere successo con un blog: cultura, trasparenza, tempo, dialogo e divertimento.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il