BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: referendum, rinvio consulta. Dichiarazioni su prospettive abolizione Legge Fornero

Nell’attesa della decisione della Consulta sul referendum della Lega, forze politiche e sociali si dividono tra abolizione della riforma pensioni attuale e difesa




AGGIORNAMENTO: La Consulta dovrà decidere il 20 Gennaio la sentenza sull'ammissibilità del referendum della Lega, ma interessanti sono da leggere le dichiarazioni e le previsioni di come potrebbe andare a finire, di quale sarà il verdetto finale. Ecco riportate in questo articolo di diversi esponenenti.

L’attenzione di oggi, mercoledì 14 gennaio, è puntata sulla decisione finale che la Corte Costituzionale renderà nota sull’ammissibilità, o meno, del voto sul referendum promosso dalla Lega che vuole l’abolizione della riforma pensioni Fornero. E le novità non sembrano mancare. Mentre, infatti, c’è chi, insieme a Matteo Salvini, sostiene il referendum , ritenendolo l’unica soluzione per uscire da un’impasse che sembra bloccare le pensioni italiane, penalizzando i lavoratori, altri continuano a difendere la legge Fornero, ritenendola l’unica legge capace di garantire sostenibilità economia all’Italia in un momento di particolare crisi finanziaria.

Matteo Salvini spinge per il voto al referendum, ritenendo la riforma pensioni Fornero ‘drammatica’, da cancellare del tutto per ripristinare le vecchie norme pensionistiche, che aiuterebbero anche a risolvere le questioni di quota 96 della scuola ed esodati. Anche il vice presidente del Senato Calderoli ritiene che la riforma Fornero debba essere cancellata, mentre Giuliano Cazzola spiega: “Credo che la Corte Costituzionale sarà coerente con la propria giurisprudenza consolidata e rispettosa di quanto disposto dall’articolo 75 della Costituzione, il quale non ammette il referendum per le leggi tributarie e di bilancio. La riforma Fornero non era contenuta in una legge specifica, ma faceva parte integrante del decreto Salva-Italia e quindi di una complessa operazione di finanza pubblica di natura fiscale. La riforma del 2011 sta bene così”.

Anche la leader della Cisl Furlan ritiene che abolire la legge Fornero sia un errore. E spiega “Il governo dovrebbe mettere mano alla riforma Fornero sulle pensioni convocando le parti sociali. Affidare a un referendum la questione sarebbe troppo semplice. Rifare una legge pensionistica è qualcosa di un pò più complesso di dire sì o no a un referendum. La Cisl si aspetta che prima del referendum, il governo, invece di dare giudizi negativi sulla riforma Fornero, si decida a rimetterci le mani”.

Anche il Pd vuole evitare che si vada, la prossima primavera, al voto sul referendum che chiede di cancellare completamente la legge Fornero, sostenuto dall’ex commissario straordinario dell’Inps, tiziano Treu, che ha spesso ribadito come sia preferibile introdurre una maggiore flessibilità nell’attuale sistema previdenziale piuttosto che cancellare una legge che è capace di assicurare ben 80 miliardi di euro di risparmi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il