BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu terreni agricoli e non 2015: Consiglio Ministri 20 Gennaio 2014. Modifica calcolo, regole, proroga Governo Renzi e soluzione

Martedì il Consiglio dei ministri affronta la questione del pagamento dell'Imu sui terreni agricoli. Mercoledì si pronuncia il Tar del Lazio.




Si entra nella settimana decisiva per conoscere il destino del pagamento dell'Imu sui terreni agricoli. La scadenza fissata dal governo è il 26 gennaio 2015. Ma prima di passare alla cassa occorre attendere il Consiglio dei ministri del 20 gennaio. In quell'occasione si cercheranno aggiustamenti alle regole su tempi e modi di versamento dell'imposta nell'ambito dell'esigenza di assicurare alle casse dello Stato le entrate economiche prospettate. Il giorno successivo, poi, si riunisce il Tar del Lazio per pronunciarsi nel merito del ricorso proposto dall'Anci di Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto.

In sede di sospensiva i giudici hanno ravvisato un "eccezionale e grave pregiudizio per l'assoluta incertezza dei criteri applicativi" e di consulenza hanno congelato il decreto. Secondo quanto stabilito dal governo Renzi sono chiamati a rispettare la scadenza fiscale tutti i possessori di un terreno in un comune sotto i 600 metri. Da quest'altitudine e fino a 281 metri sono previste esenzioni variabili per coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, che diventano maggiori sotto i 281 metri. Per stabilire occorre fare riferimento alle classificazioni dell'Istat.

Non sono soggetti a IMU i terreni a immutabile destinazione agro-silvo-pastorale a proprietà collettiva indivisibile e inusucapibile. Per sapere se la proprietà ricade nei comuni coinvolti ovvero per verificare l'altitudine, è possibile visitare il sito Istat. Per il calcolo dell'Imu sui terreni agricoli occorrono il reddito dominicale non rivalutato, l'aliquota standard dello 0,76%, la percentuale e i mesi di possesso, il coefficiente di moltiplicazione pari a 75 per coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali e 135 per i comuni contribuenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il