BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi ultime notizie: riforma, legge universale per risolvere tutti errori non solo contributi partita iva

Non solo un intervento correttivo sulle partite IVA in regime dei minimi. Indispensabile una manovra complessiva che coinvolga anche la riforma pensioni. Ecco novità e ultime notizie.




L'errore sulle partite IVA c'è stato e coinvolge anche la riforma pensioni. Con l'ultima legge di stabilità sono state inasprite le condizioni per aderire al regime dei minimi. In sintesi, la tassazione è passata dal 5 al 15% e il limite dei ricavi da non oltrepassare per rimanere in questa più favorevole condizione fiscale è stato abbassato per i professionisti da 30.000 euro all'anno a 15.000 euro all'anno. A questa situazione si aggiunge l'aumento della contribuzione Inps per la gestione separata dal 27,72 al 30,72% (compresa la quota maternità). Insomma si tratta di termini insostenibili che lo stesso premier Matteo Renzi ha promesso di correggere.

Tuttavia continua a essere scettica Anna Soru, presidente di Acta: "Finora Renzi ha fatto solo delle promesse e intanto sono entrati in vigore sia i nuovi minimi sia l'aumento della contribuzione alla gestione separata dell'Inps. Se sommiamo le due voci siamo già oltre il 50% di tassazione a fronte di un sistema di welfare inesistente". Va da sé che il solo (indispensabile) intervento correttivo sulle partite IVA in regime dei minimi rappresenta solo un soluzione intermedia mentre appare più logico e preferibile una manovra più complessiva che coinvolga anche la previdenza.

La partita si gioca anche a livello europeo. Come spiegato da Yoram Gutgeld, consigliere economico e di bilancio del premier Matteo Renzi e deputato del Partito Democratico, "anticipare la pensione sia pure con un trattamento inferiore a molti oggi potrebbe andar bene. Vogliamo renderlo possibile". E anche se non è in agenda un prelievo sulle pensioni più alte, l'economista riconosce come Angela Merkel abbia "un fronte interno che preme. Ma la discussione sulla flessibilità ormai è in corso e con tutte le riforme che porteremo a casa saremo sempre più credibili: sono ottimista".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il