BusinessOnline - Il portale per i decision maker








iOS 8.1.3, iOS 9, iOS 8.2: novità della settimana

Sono tanti i fronti del sistema operativo su cui è impegnata la società di Cupertino. In attesa dell'iOS 9 fanno la loro comparsa aggiornamenti intermedi.




Si resta in attesa dell'aggiornamento iOS 8.1.3 per iPhone 6, iPhone 6 Plus, iPhone 5S, iPhone 5C, iPhone 5, iPhone 4S, con numero di build 12B460, oltre ai vari iPad Air, iPad Mini con display Retina, iPad Mini, iPad 4, iPad 3, iPad 2 e iPod Touch di quinta generazione. Fino a questo momento la multinazionale di Cupertino sta continuando a rilasciare versioni beta destinate agli sviluppatori per l'individuazione dei bug da correggere e per i suggerimenti sui miglioramenti da apportare. Come al solito non ci sono indicazioni ufficiali sui tempi di disponibilità, ma la prossima potrebbe essere la settimana decisiva.

Il dubbio rimane perché nel frattempo ha fatto la sua comparsa anche la quarta beta di iOS 8.2, sviluppata in vista dell'arrivo dell'orologio multimediale Apple Watch. E in effetti i cambiamenti introdotti rispetto alla precedente release di prova sono pochi o nulli. Per l'iOS 9, attualmente in fase di sviluppo nei laboratori di Cupertino, l'appuntamento per conoscere maggiori dettagli è a giugno, in occasione della Worldwide Developers Conference 2015, l'annuale conferenza organizzata da Apple con i suoi sviluppatori.

I più impazienti possono verificare la presenza di un aggiornamento e procedere al download seguendo il percorso Impostazioni Generali > Aggiornamento Software > Scarica e Installa direttamente dal proprio device oppure collegando il terminale a un Mac o a un PC via iTunes.

C'è poi chi ha voluto confrontare la velocità della quarta beta di iOS 8.2 rispetto a quella dell'update correttivo iOS 8.1.2 a bordo dell'iPhone 4S e dell'iPhone 5S. Il risultato non è stato incoraggiante poiché non sono stati riscontrati progressi di rilievo. In questo contesto si segnalano i commenti positivi sulla migliore reattività dell'assistente vocale Siri. In particolare, secondo John Gruber di Daring Fireball, la ragione va cercata nell'aggiornamento dei server dedicati da parte della società di Cupertino.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il