BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Cerca







Pensioni 2015 donne e uomini anticipata e flessibile INPS. Quando si può andare, come funziona, calcolo contributi ed età

I requisiti per andare in pensione nel 2015 sono i medesimi dello scorso anno, ma sono state abolite le penalizzazioni per chi si ritira prima dei 62 anni con la contribuzione richiesta.




Ci sono alcuni cambiamenti nella riforma pensioni in vigore dal 2015. Quali sono queste novità e qual ultime notizie e prospettive? La principale modifica è la cancellazione delle penalizzazioni per chi va in pensione prima dei 62 anni con 42 anni e 1 mese di contributi (nel caso degli uomini) o 41 anni e 1 mese (se donne). Quindi è stato fissato un tetto da non superare per le cosiddette pensioni d'oro, ma solo dal 2015.

In merito ai requisiti per il congedo, per quanto riguarda le lavoratrici dipendenti settore privato, fino al 31 dicembre 2015 occorrono 63 anni e 9 mesi, dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2017 65 anni e 3 mesi, dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2020 66 anni e 3 mesi. Per le lavoratrici autonome e gestione separata fino al 31 dicembre 2015 sono necessari 64 anni e 9 mesi, dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2017 65 anni e 9 mesi, dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2020 66 anni e 3 mesi.

Per i lavoratori dipendenti e le lavoratrici dipendenti settore pubblico, fino al 31 dicembre 2015 servono 66 anni e 3 mesi, dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2020 66 anni e 3 mesi. Infine per i lavoratori autonomi e gestione separata fino al 31 dicembre 2015 66 anni e 3 mesi, dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2020 66 anni e 3 mesi.

Nel corso dell'anno potrebbero trovare spazio sul tavolo dei ragionamenti del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali le ipotesi di permettere il ritiro a 62 anni con 35 anni di contributi; di allargare agli uomini le modalità di calcolo dell'assegno con il sistema contributivo; l'introduzione del prestito previdenziale per consentire il congedo agli over 50 in stato di disoccupazione; l'applicazione di quota 100 come somma dell'età anagrafica e degli anni di contribuzione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il