BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Isee 2015: istruzioni, regole e calcolo. Modello DSU e diversi singoli modelli da compilare per detrazioni idfferenti

Il modello Isee è un documento molto importante che fa parte della vita quotidiana di ogni cittadino. Rispetto allo scorso anno ci saranno alcune novità legate a questo modello. Eccole in dettaglio.




Innanzitutto, per ricavare il modello Isee 2015 bisogna prima presentare la DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica). La DSU presenta alcune informazioni che devono essere inserite dal cittadino (nome, cognome, data di nascita, indirizzo e cosi via) e altre informazioni inserite direttamente dall'Agenzia delle entrate e dall'INPS.

Una volta completata, questa dichiarazione deve essere presentata o a un CAF o all'INPS. Può anche essere trasmessa on line sul sito dell'INPS. Per trasmetterla on line si dovrà andare sull'area Servizi on line - Servizi per il cittadino. Per accedere ci sarà bisogno di una password che si può ottenere direttamente sul sito dell'istituto previdenziale. Acquisito il documento, l'INPS elaborerà i dati contenuti nella DSU e dopo una decina di giorni circa invierà il modello Isee.

Un'altra novità di quest'anno è che non è previsto soltanto il modello Isee definito "standard", ma il modello si differenzia in base al motivo per il quale viene richiesto. Ad esempio, c'è il modello Isee Università (che serve per richiedere borse di studio oppure riduzioni di tasse e cosi via). Oppure il modello Isee sociosanitario, che serve per richiedere l'assistenza domiciliare.

Inoltre c'è la possibilità di ottenere un Isee definito corrente, cioè un modello aggiornato che va a tenere conto di eventuali cambiamenti che si sono verificati nei redditi dell'ultimo anno.
C'è da chiarire che non cambia il modo con il quale si calcola il valore Isee, che rimane lo stesso rispetto allo scorso anno (rapporto tra indice ISE e scala di equivalenza).

ISEE 2016: calcolo e compilazione passo passo. Il modello ISEE è un ottimo strumento per ottenere benefici ed esonerei nei pagamenti per alcuni servizi pubblici come la mensa scolastica, il ticket, autotrasporti, università... ecco come compilarlo e quali documenti presentare per le detrazioni

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il