BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bonus bebè 2015: istruzioni e regole INPS. Chi può fare domanda, quando e come

Da oggi, grazie alla norma inserita nella legge di stabilità, sarà possibile richiedere un bonus di 80 euro mensili per i figli nati o adottati tra Gennaio 2015 e Dicembre 2017.




Avere figli, si sà, è una delle principali prerogative di molti, giovani e meno giovani. Tuttavia, è inutile nasconderlo, al giorno d'oggi complice anche la crisi economica, è sempre più difficile anche solo pensare di avere un figlio. Avere un bimbo in famiglia è sempre una gioia. Ovvio. Ma è anche ovvio che per far fronte alle esigenze di un neonato, non basta, da sola, la buona volontà. Volente o nolente infatti, soprattutto quando sono molto piccoli, i bambini comportano una grossa spesa, se non la maggiore, per l'intero nucleo famigliare.

Per aiutare tutti, o quasi, i futuri genitori, il Governo ha quindi pensato di introdurre un bonus di 80 euro per i bambini che nasceranno, o saranno adottati, da questo mese di Gennaio a Dicembre del 2017. Per poter usufruire di questo aiuto economico però, bisogna avere dei requisiti. Oltre, come già detto, ad avere messo al Mondo o ad aver adottato il bambino in un periodo che intercorre tra il mese di Gennaio e il Dicembre 2017, bisognerà verificare il reddito annuo. Tale bonus sarà spendibile infatti solo per quelle famiglie il cui reddito annuo non superi i 25.000 euro. Se è vero che c'è un limite massimo, superato il quale non si potrà usufruire del bonus bebè, è anche vero che è previsto un limite minimo, al di sotto del quale la somma erogata sarà raddoppiata. Ovvero quei nuclei familiari con reddito inferiore ai 7.000 euro annui riceveranno, anziché 80 euro al mese, la bellezza di 160 euro mensili.

Dunque, che sia figlio naturale o adottato, e comunque fino al terzo anno di vita del bambino, il Governo metterà sul piatto una somma, che andrà a rimpinguare i portafogli dei neo genitori italiani, che oscillerà tra i 960 e i 1920 euro annui, a seconda dello scaglione di reddito.
Per richiedere il bonus in questione quindi basterà rivolgersi all'Inps, inoltrando on-line l'apposito modulo. Qualora non si abbia a disposizione il pin dispositivo, ovvero non si sia iscritti al sito Inps, ci si potrà rivolgere ai Caf e ai Patronati che provvederanno automaticamente ad inoltrare il modulo in questione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il