BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma pubblica amministrazione 2015 Madia: pensioni, mobilità, contratti, licenziamenti. Modifiche allo studio Governo Renzi

Cosa cambia in questo nuovo anno per regole e licenziamenti dei dipendenti pubblici con riforma P.A. e ddl Madia: le prime novità




Il nuovo anno con l’approvazione della nuova riforma della Pubblica Amministrazione del governo Renzi  2015, che dovrebbe arrivare entro fine febbraio, e le misure del ddl Madia potrebbe portare grossi cambiamenti per i dipendenti statali e pubblici. Tante le novità attese su contratti, sostenute anche dalle nuove regole del Jobs Act, mobilità, licenziamenti e controlli Inps, e pensioni e prensionamenti. Ma vediamo cosa sta già cambiando. Innanzitutto stanno già crescendo i licenziamenti dei dipendenti pubblici e nel 2013 sono stati duecentoventi.

Il licenziamento di questi dipendenti è stato deciso in seguito a procedimenti disciplinari avviati nei loro confronti, 6.900 in tutto. Secondo i dati riportati sul sito della Funzione pubblica, 99 dei licenziamenti sono dovuti ad assenze ingiustificate o non comunicate nei tempi previsti. Insieme ai 99 licenziamenti legati alle assenze seguono i 78 connessi a reati (il 36%), i 35 causati da comportamenti non corretti verso i superiori o i colleghi (il 16%, e poi quelli connessi al fenomeno del cosiddetto doppio lavoro, attività extralavorative non autorizzate (7, pari al 3%).

Statali fannulloni da licenziare dunque con più facilità. Pronto poi ad arrivare un nuovo emendamento che prevede la realizzazione di un Polo unico della medicina fiscale e ciò significherebbe che tutti i controlli sarebbero affidati all'Inps, anche quelli relativi ai dipendenti pubblici, ora di responsabilità delle Asl.

I controlli spettanti solo all'Inps porterebbero una serie di novità e dubbi come, per esempio, se uniformare giorni e fasce orarie in cui ricevere i controlli visto che oggi per gli statali sono previste più ore di reperibilità e per la scuola vale l’orario compreso dalle 9 alle 13 la mattina e dalle 15 alle 18 il pomeriggio-sera.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il