BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: proposta nuova sperimentale da Ministro Madia con prestito,quota 100,contributivo

Sistemi di uscita anticipata, staffetta generazione e nuova proposta prepensionamento del ministro Madia. Cosa prevede e gli altri meccanismi




Uscita anticipata con prestito pensionistico, uscita a quota 100 o a 62 anni con 25 anni di contributi e penalizzazioni, o con sistema contributivo per tutti ma non solo. Proposta anche la possibilità di andare in pensione prima con 41 anni di contributi indipendentemente dall’età anagrafica, il meccanismo della staffetta generazione e arriva ora anche una proposta dell’ultima ora avanzata dal ministro della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia.

Si tratta della proroga del cosiddetto Regime Sperimentale, proposta che prevede la possibilità di andare in pensione a 57 anni di età con 35 anni di contributi con calcolo dell’assegno pensionistico finale esclusivamente con sistema contributivo. La nuova proposta permetterebbe, dunque, di andare in pensione anticipata di ben nove anni rispetto a quanto attualmente richiesto dalla riforma pensioni Fornero, riportando in ballo quella possibilità di uscita con sistema contributivo per tutti di cui si era parecchio parlato già nei mesi scorsi.

Fino a qualche tempo fa, infatti, la proposta di uscita anticipata con sistema contributivo per tutti permetteva di poter lasciare il lavoro a 57 anni, appunti, o 58, a seconda che si trattasse di lavoratori dipendenti o autonomi, accettando di calcolare la propria pensione solo con sistema contributivo e dunque percependo un assegno ridotto rispetto al calcolo con metodo retributivo. Insieme a questa possibilità anche quella del prestito pensionistico, oggi tra le proposte su cui si punta di più perché, non modificando né età né contributi da versare per il pensionamento, permette comunque al lavoratore di andare in pensione prima attraverso un anticipo sulla pensione finale, che dovrebbe essere di circa 700 euro, che dovrà essere restituito una volta maturata la pensione normale.

E ci sono poi le proposte di Cesare Damiano di uscita con il ritorno alle quota e con quota 100, risultato della somma tra età anagrafica e contributiva che permetterebbe di lasciare il lavoro, per esempio, a 60 anni di età e 40 di contributi, o a 61 anni di età e 39 di contributi, o a 62 anni e 38 di contributi e così via, purchè si siano raggiunti almeno i 60 anni; o uscita a 62 anni con 35 anni di contributi e penalizzazioni, che possono raggiungere anche l’8%, per ogni anno in cui si lascia il lavoro prima dei 66 anni oggi richiesti. Se però di decide di andare in pensione dopo i 66 anni, e fino massimo ai 70, saranno previsti, al contrario, incentivi.
 

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il